PONTIAK in Italia!

Nuovo tour per i fratellini Carney in Italia!

Dopo il successo del tour di aprile, i PONTIAK saranno nel nostro paese per 5 nuovi concerti. Il loro ultimo disco s’intitola Innocence, ma in questi giorni hanno in uscita anche il nuovo capitolo del side project Heat Leisure.

Ecco le date:

22 Ottobre – Roma, Circolo degli Artisti
via Casilina Vecchia, 42 – Roma / Inizio concerti ore 21.30
Ingresso € 10, prevendite presto disponibili su http://www.circoloartisti.it
Info: http://www.circoloartisti.it
23 Ottobre – Milano, Associazione Ohibò
via Benaco, 1 – Milano / Inizio concerti ore 21.30
Info: http://www.associazioneohibo.it
24 Ottobre – Bologna, Covo
+ CROCODILES (us) – https://www.facebook.com/killcrocodiles
viale Zagabria, 1 – Bologna / Inizio concerti ore 21.30
Info: http://www.covoclub.it
25 Ottobre – Brescia, Latteria Molloy
via Marziale Ducos, 2/B – Brescia / Inizio concerti ore 21.30
Info: http://www.latteriaartigianalemolloy.it
26 Ottobre – Savona, Raindogs House
piazza Pippo Rebagliati – Savona / Inizio concerti ore 21.30
Info: http://www.raindogshouse.com
Info tour:
http://www.GrindingHalt.it
http://www.facebook.com/GrindingHaltConcerti

Pontiak © Lino Brunetti

Pontiak © Lino Brunetti

SWANS @ Alcatraz, Milano, 12 ottobre 2014

SWANS

ALCATRAZ

MILANO

12 OTTOBRE 2014

Manco si trattasse del Luna Park maledetto de “Il Popolo Dell’Autunno” di Bradbury, gli Swans di Michael Gira ricalano in Italia per un pugno di date fatte a supporto del loro recente To Be Kind. A Milano arrivano una domenica sera di una settimana, tanto per cambiare, piovosa e grigia. La data, al contrario di altre venue, non è sold out, ma c’è anche da dire che l’Alcatraz, sia pur diviso a metà, non è certo piccolo e che la musica della band americana è una delle più oltranziste ed ostiche in cui possiate imbattervi al giorno d’oggi, quantomeno a questi livelli di popolarità. Avendoli visti più volte, da parte mia c’era una forte curiosità nel vedere quanto e come avrebbero mutato pelle, se avrebbero insomma continuato con la potenza annichilente del tour precedente o se avrebbero proposto qualcosa di diverso. Alla fine ne sono uscito soddisfatto, perché quello che hanno fatto è stato mutare nella continuità. Caratterizzato ancora una volta da volumi insostenibili, atti ad abbattere inesorabilmente qualsiasi difesa da parte dell’ascoltatore, il suono degli Swans si è fatto qui più propenso ad adagiarsi su una forma di dilatatissimo, malsano, oscuro e macilento blues (ovviamente in senso più attitudinale e d’intenzione che non sonoro), lasciando parzialmente da parte il martellamento industrial del passato, in favore appunto di vibrazioni più atmosferiche. La parte più debole dello show – quella centrale – è stata infatti quella in cui, riprendendo The Apostate da The Seer, hanno riproposto con un fare fin troppo meccanico, le intuizioni del tour precedente (anche se magari questa è una considerazione fatta a causa delle numerose volte in cui mi sono imbattuto in loro). Superlativo invece tutto il resto, a partire da una Frankie M introdotta da 15 minuti di pura avanguardia, con Thor Harris e Phil Puleo intenti a percuotere gong e percussioni, presto fusi in forma di drone, prima che l’ingresso di tutta la band spedisse tutto in direzione di un deliquio estatico ed allucinatorio durato ben tre quarti d’ora. Tre i pezzi tratti dall’ultimo lavoro: prima un’incalzante A Little God In My Hands, uno dei momenti più tradizionalmente coagulati in forma canzone del concerto, potente e dagli squarci free; poi un’allungatissima discesa negli inferi blues con Just A Little Boy; infine una Bring The Sun – introdotta da un Gira che urlava Amore, Amor! – spogliata dalla sua seconda parte Toussaint L’Ouverture, ma unita ad una assolutamente stratosferica Black Hole Man, vicinissima al verbo kraut-rock ed oasi quasi pop dopo quello che c’era stato prima (tra cui rimane da citare la nuova Don’t Go, ipnotica e salmodiante). Oltre due ore e mezza di concerto, in cui gli Swans hanno come sempre cercato di spingere gli ascoltatori verso l’estasi della luce, attraverso il dolore e l’oscurità. E quando, alla fine, Gira presenta i musicisti storpiandone simpaticamente i nomi in forme tutte italiane, con tutti che s’inchinano riconoscenti di fronte al proprio pubblico, viene fuori anche l’umanità di una band che, ancora oggi, dopo oltre trent’anni dagli esordi, in qualche modo continua ad intimidire. I loro concerti rimangono un’esperienza sensoriale a 360°, sicuramente non per tutti ed oltre il concetto di musica tradizionale, è chiaro; ma sono, altrettanto chiaramente, uno degli act più intensi in cui possiate imbattervi.

Lino Brunetti

Swans © Rodolfo Sassano

Swans © Rodolfo Sassano

OMOSUMO “Surfin’ Gaza”

OMOSUMO

Surfin’ Gaza

Malintenti Dischi/Edel

omosumo-musica-streaming-surfin-gaza

Nonostante prima del debutto in lungo, in uscita in questi giorni, avessero pubblicato solo una coppia di EP (di cui uno di remix), gli Omosumo avevano già avuto modo di farsi conoscere in giro tramite un’intensa attività live, che li ha portati anche sui palchi prestigiosi dell’Ypsigrock e del South By Southwest. Trio siciliano formato da Angelo SicurellaRoberto Cammarata (Waines) e Antonio Di Martino (Dimartino), come si diceva, arrivano oggi all’esordio con un disco concepito tra il finire del 2013 e l’inizio del 2014, profondamente ispirato da quanto accadeva in quei giorni nella striscia di Gaza. Surfin’ Gaza parla infatti della guerra tra israeliani e palestinesi, ma lo fa da una prospettiva insolita, prendendo spunto dal documentario diretto da Alexander Klein, “Explore Corps and Surfing 4 Peace”, in cui si raccontava dell’esperienza delle organizzazioni Surf 4 Peace ed Explore Corps, nate con l’intento di unire palestinesi ed israeliani sotto il segno del surf. E se il film parlava della possibilità di rendere uniti due popoli in guerra grazie al potere dello sport e al rifiuto delle armi, gli Omosumo prendono giusto ispirazione, per poi creare una serie di brani dal più sfumato potere evocativo, ovviamente meno documentaristici nel loro voler rimarcare la necessità della pace, ma sicuramente altrettanto potenti e determinati. Le nove tracce dell’album sono fortemente caratterizzate da un sound elettronico, ma al loro interno sono capaci d’inglobare anche elementi più tradizionalmente pop e rock. In questo modo l’electro fluttuante, che in qualche modo simula l’effetto di surfare sulle onde del mare, di Yuk, si specchia in una più classica ballata come Walking On Stars; la pulsante, ai confini col drum’n’bass, Waves, trova il suo contraltare nel feeling krauto di una riuscitissima Nowhere, con un gran giro di basso ed un organo a far da fondale. La title-track ha un suono teso, screziato da chitarre quasi psichedeliche, con un tambureggiare ipnotico che mantiene la tensione senza mai farla esplodere; Dovunque Altrove, quasi un’eco del primissimo Battiato, è impregnata di tristezza cosmica, porta in sé la consapevolezza della difficoltà estrema di liberarsi in un contesto insostenibile e ingovernabile; Nancy alleggerisce con le cristalline chitarre di una romantica pop song, mentre torna nell’oscurità Ahimana, uno strumentale colmo d’intersecazioni sintetiche sovrastate da una voce registrata. Chiude Atlantico, probabilmente il pezzo più tradizionalmente rock in scaletta. Al di là dei suoi meriti tematici, Surfin’ Gaza è un disco più che interessante, un ottimo primo passo per gli Omosumo. Attenderemo quelli successivi.

Lino Brunetti

SOLO FEST: KING BUZZO, ADRIANO VITERBINI & DIEGO POTRON @ CARROPONTE, SESTO SAN GIOVANNI, 9 SETTEMBRE 2014

KING BUZZO, ADRIANO VITERBINI, DIEGO POTRON

CARROPONTE

SESTO SAN GIOVANNI

9 SETTEMBRE 2014

 

A causa dell’ennesima giornata temporalesca s’era pure rischiato che il concerto saltasse! Poi, per fortuna, grazie alla concomitante Festa dell’Unità, s’è potuto usare la tensostruttura normalmente adibita ai dibattiti e tutto si è svolto senza intoppi. Sarebbe del resto stato davvero un peccato perché, sotto al cappello Solo Fest, si sono esibiti tre artisti diversissimi fra loro ma tutti, a modo loro, invariabilmente interessanti. Ad aprire le danze ci ha pensato Diego Potron, il meno conosciuto dei tre, col suo ritmato e possente blues, suonato con una grezza e squadrata chitarra costruita in casa e un mini drum-kit suonato col piede. Selvaggia, sporca e divertente la sua versione delle dodici battute, condita inoltre da piccole presentazioni tra il surreale ed il “proletario” che hanno aggiunto ulteriore carne al fuoco. Dopo di lui è stata la volta di Adriano Viterbini, normalmente cantante e chitarrista dei romani Bud Spencer Blues Explosion, ma qui in veste solista. Se anche il blues rimane al centro della scena, con lui il mood cambia. Da solo è artefice di una serie di pezzi strumentali per sola chitarra elettrica (o dobro in un caso) in cui le dodici battute si colorano d’echi afro blues alla maniera dei Tinariwen, di suggestioni faheyane, di un lirismo ipnotico che solo a tratti accellera e si fa più funambolico. Un’ottima performance insomma, sugellata infine da una bella versione di Sleepwalk di Santo & Johnny. L’headliner della serata, colui per il quale la maggior parte del pubblico era presente, era però Buzz Osborne aka King Buzzo, il leader dei Melvins al suo primo tour acustico ed in solitaria. Fresco della pubblicazione del suo recente album solista, This Machine Kills Artists, Buzz non ha esattamente messo in piedi un concerto folk. Del resto, come poteva esserlo se già in partenza piazzi un pezzo oscurissimo proprio dei Melvins ed una cover di Alice Cooper. In sostanza, quello che manca ad un suo concerto in solitaria sono solo gli altri Melvins perché, per il resto, l’energia e la potenza sono quelli di sempre. Certo, in questa veste è più facile apprezzare la sua voce svettante, ma il modo in cui martoria la sua sei corde estraendone power chords schiaffeggianti è immutata. E poi, elemento da non sottovalutare, è un tipo simpaticissimo Buzzo! Saltella e si muove in continuazione da un lato all’altro del palco scuotendo la sua riconoscibilissima chioma, ridacchia come un bambinone, si prende un sacco di tempo per parlare col pubblico e per raccontare aneddoti e storielle divertenti (a noi è capitata quella con protagonista Mike Patton, troppo lunga da riassumere qui, ma davvero spassosissima). Il nucleo portante dello show è stato composto con i pezzi del disco solista, più concisi e tradizionali di quelli dei Melvins, ma sempre con quell’impronta. Un bel sentire, che ha offerto un lato inedito di un’icona del rock americano degli ultimi trent’anni.

Lino Brunetti

 

WARPAINT live @ Carroponte, Sesto San Giovanni, 29 agosto 2014

WARPAINT

CARROPONTE

SESTO SAN GIOVANNI

29 AGOSTO 2014

 

Nello stesso giorno in cui partiva l’edizione annuale della festa dell’Unità milanese – sia pur ormai in pianta stabile in quel di Sesto San Giovanni – con tutti il suo corollario di stand gastronomici, librerie e bancarelle varie, nella stessa sede, al Carroponte, sul suo palco saliva il quartetto tutto al femminile delle losangeline Warpaint. Scoperte qualche anno fa dal chitarrista dei Red Hot Chili Peppers, John Frusciante, al mixer per il loro EP d’esordio, Exquisite Corpse, le quattro si sono fatte conoscere con due ottimi album, l’ultimo dei quali, omonimo, prodotto in tandem con un veterano quale Flood. Le radici del loro sound stanno sicuramente nel post-punk ma, tutto sommato, di tutte le versioni che abbiamo sentito negli ultimi anni, la loro rischia di essere una delle più intriganti, moderne ed in qualche modo addirittura originali. Al pulsare ritmico tipico del genere, messo a punto dall’ottima accoppiata Jenny Lee Lindberg (basso)/ Stella Mozgawa (batteria, a lungo session musician che ha suonato pure con Tom Jones), si sovrappongono le melodie pop fornite dalle due chitarriste, cantanti e songwriter della formazione, Emily Kokal e Theresa Wayman, sempre affascinanti e sottilmente inusuali. A ciò aggiungiamo il fatto che sono molti gli elementi che finiscono poi per arricchire la loro proposta: a partire da un’ariosità eterea quasi a là Cocteau Twins; passando per delle dilatazioni che verrebbe da definire psichedeliche; per il mood malinconico/elettronico di molte tracce, al confine con reminiscenze trip-hop; per la solidità di una scrittura che farebbe stare in piedi le canzoni probabilmente anche con solo voce e chitarra. Un bella dose di glamour sexy, che non guasta mai, fa il resto – due di loro sono pure attrici e tutte assieme, come band, sono state protagoniste di uno spot di Calvin Klein. Quasi ovvia l’ottima risposta del pubblico, che si è presentato numeroso all’appuntamento della loro unica data italiana. Per un’ora e mezza le Warpaint hanno scandagliato il loro repertorio, andando a pescare da un po’ tutti i loro lavori, con una leggera prevalenza dell’ultimo album, a partire da una Keep It Healthy che, dopo l’Intro, ha aperto le danze e poi con bei brani come Disco/Very, Drive, Hi. Alcune canzoni sono risultate essere già dei piccoli classici, penso soprattutto ad un pezzo come Undertow, accolta da un boato, ma pure alla recente, anche se per me non uno dei loro brani migliori, Love Is To Die. Bellissimi i recuperi dal primo EP, Beetles e Elephants, più nervose e chitarristiche e soprattutto dilatatissime e psichedeliche, con le quattro lanciate in parti strumentali improvvisative che, sia pur un po’ sfilacciate a tratti – magari la tecnica strumentale non è proprio il loro forte – ne hanno mostrato ulteriormente la versatilità. Divertente, infine, il finale con una cover di Pump Up The Jam dei Technotronic, vecchio successo dance, qui rivisto in salsa post-punk. Decisamente, una scelta capace di far inorridire qualsiasi serio purista rock. Io, che purista e serio non lo sono per nulla, me la sono invece goduta con gran diletto. Prima di loro, sul palco erano saliti i Julie’s Haircut. Purtroppo ho intercettato soltanto i loro ultimi dieci minuti di show, quanto basta per rammaricarmi di non essere riuscito ad arrivare prima. Da quel poco che ho visto mi sono sembrati davvero notevoli anche in sede live.

Lino Brunetti

All photos © Rodolfo Sassano

Emily Kokal

Emily Kokal

Theresa Wayman

Theresa Wayman

Jenny Lee Lindberg

Jenny Lee Lindberg

Stella Mozgawa

Stella Mozgawa

REIGNING SOUND “Shattered”

REIGNING SOUND

Shattered

Merge/Goodfellas

10_700_700_470_reigningsound_900px

In barba a qualsiasi trendy, all’hype del momento o a qualsiasi considerazione circa la (presunta) originalità di una proposta, alla fine i dischi su cui probabilmente si finisce col tornare con più frequenza sono quelli come questo nuovo REIGNING SOUND, il cui suono affonda senza mezzi termini e senza esitazione nel passato e nella tradizione. Del resto, Greg Cartwright, essendo passato in bands quali Oblivians, Parting Gifts, 68 Comeback, Deadly Snakes, Detroit Cobras e Compulsive Gamblers, non è certo un novellino e la materia la conosce bene. In questo nuovo Shattered va direttamente alla fonte, assemblando un disco dal caldo sapore vintage, in cui si mescolano echi stonesiani, soul r&b di marca Stax e Motown, rock’n’roll springsteen/dylaniani e qualche umore roots. Un brano come My My sarebbe piaciuto al compianto Willy DeVille; ballate intinte nel suono di un organo Hammond come la souleggiante Starting New, la pigra Once More, una Falling Rain in territorio Dylan o una If You Gotta Live speziata country, si alternano a più saltellanti pezzi r&b come North Cackalacky Girl o Baby It’s Too Late, in modo da garantire quella varietà di soluzioni necessaria al godimento di un disco. Rilassato e mai troppo concitato, ottimamente scritto ed arrangiato con gusto, Shattered è il classico album old fashioned in cui cercare riparo nei momenti di smarrimento da eccessi di ascolto. Un rifugio sicuro!

Lino Brunetti

UN ALTRO FESTIVAL 2014 – Magnolia, Milano, 14 – 15 luglio 2014

UN ALTRO FESTIVAL

MAGNOLIA

MILANO

14 e 15 LUGLIO 2014

L’idea, già attuata con maggior sistematicità all’estero, è buona e da usare più spesso: scelti i gruppi atti a formare la line up del festival, li si fa suonare alternatamente in due diverse città. Questo è stato fatto per questa seconda edizione de Un Altro Festival, rassegna musicale su due giorni, divisa appunto fra due città, Milano e Bologna, con line up invertite (la prima serata di Milano era la seconda di Bologna e viceversa, per intenderci). Noi abbiamo assistito all’edizione milanese, svoltasi su due palchi (uno grande, il secondo un po’ più piccolo) al Circolo Magnolia, vicinissimo all’Idroscalo e all’aeroporto di Linate. Non so bene come sia andata a Bologna, ma nel capoluogo lombardo era lecito attendersi una maggiore affluenza di pubblico: le ragioni di un parziale insuccesso – che ci auguriamo non compromettano future edizioni – possono essere diverse, dall’inclemenza del tempo (almeno nella prima serata) ad un prezzo d’ingresso forse un filo eccessivo visti i nomi in campo (anche se immagino bene che meno sarebbe stato decisamente improbabile), per non parlare della vicinanza ad altri e numerosi eventi che, visti i tempi che corrono, impone indubbiamente delle scelte anche agli appassionati di musica. Aldilà di queste considerazioni, Un Altro Festival è stato però un bell’appuntamento, di certo capace di offrire show interessanti e divertenti. La prima sera, aperta dai Kuroma sotto un diluvio biblico, ha visto sfilare l’elettronica danzereccia dei M + A, assurti all’onore delle cronache per essere stati gli unici italiani a suonare quest’anno a Glastonbury (non proprio my cup of tea), e il rock spesso e variegato degli His Clancyness, decisamente bravi nell’offrire buone vibrazioni tramite i pezzi tratti dal loro Vicious. Head-liner della serata erano però Panda Bear e gli MGMT: il primo, già membro degli Animal Collective, ha dato vita ad una quarantina di minuti favolosamente onirici ed intrisi di psichedelia elettronica, affascinanti anche grazie agli ottimi visuals che scorrevano dietro di lui; i secondi, una band che, devo confessare, mai ho frequentato più di tanto, ha invece divertito oscillando tra pop-rock psichedelico, qualche scampolo di electro-pop ed un pugno di canzoni, tra cui molti loro hit, davvero niente male. Per il sottoscritto, era però la serata del 15 quella più interessante, in larga parte all’insegna della neo-psichedelia, a partire dagli italianissimi (e competenti) Foxhound, a cui è spettato il compito di aprire le danze. Dopo di loro i britannici Telegram, moderatamente ruvidi e garagisti, nonché impregnati fino al midollo di aromi ’60s e ‘70s. Stessa cosa che si potrebbe sostenere per i Temples, autori di uno degli esordi più freschi dell’anno e che, forse addirittura inaspettatamente, hanno convinto senza mezze misure, palesandosi quale ottima live band, in grado pure d’imprimere qualche momento improvvisativo alle loro splendide canzoni. Chi temeva di trovarsi di fronte ad un bluff ha avuto modo di convincersi del contrario, probabilmente i migliori di tutto il festival. Non sono stati male, però, neppure i due, veri nomi di punta del Day 2, The Horrors e The Dandy Warhols. I primi, forti di un album riuscito quale il recente Luminous, sono stati in bilico tra la psichedelia pulsante e dalle striature elettroniche delle ultime prove ed il rumore chitarristico del passato; i secondi, da tempo dati per superbolliti discograficamente, dal vivo rimangono una rock’n’roll band divertente ed efficace, con diverse belle canzoni all’attivo, come i super successi Bohemian Like You e Not If You Were Last Junkie On Earth, puntualmente piazzati in scaletta, per la gioia generale. Una piacevolissima e stuzzicante due giorni insomma, a cui speriamo di poter presenziare pure l’anno prossimo!

Lino Brunetti

All photos © Lino Brunetti

A + M

A + M

His Clancyness

His Clancyness

Temples

Temples

Panda Bear

Panda Bear

The Horrors

The Horrors

The Dandy Warhols

The Dandy Warhols

FORTISSIMO FESTIVAL

Comunicato Stampa

FORTISSIMO
Balla Coi Cinghiali + Etnoforte

21, 22 e 23 AGOSTO 2014 – Forte di Vinadio (CN)

Il programma dei concerti, gli eventi e le attività collaterali

Cuneo, 14 luglio 2014 – Conto alla rovescia per FORTISSIMO, il nuovo imperdibile appuntamento musicale dell’estate 2014, nato dalla collaborazione tra l’Associazione Balla Coi Cinghiali e il Nuvolari Libera Tribù di Cuneo, che prenderà il via giovedì 21 agosto e si articolerà su tre giornate, fino a sabato 23.

Il forte ottocentesco di Vinadio sarà teatro di un lungo weekend all’insegna del meglio della musica indipendente, con concerti e dj-set, dell’arte, della letteratura, delle attività all’aria aperta e del buon cibo, con possibilità di campeggiare e vivere così l’esperienza del festival a 360°.

MUSICA

Dal rock indipendente al reggae, passando dal folk fino all’elettronica, saranno circa una trentina le band, tra cui anche nomi internazionali, che si divideranno fra Main Stage e RadioOhm Stage, quest’ultimo curato da RadioOhm, webradio ufficiale di FORTISSIMO, che ogni giorno farà anche da guida al festival con interviste agli artisti e il racconto in diretta di tutto ciò che succede e c’è da sapere sull’evento.

Sul Main Stage apertura in grande stile, giovedì 21, con la band electro-rock SICA, direttamente di ritorno dallo Sziget Festival, dove ha rappresentato l’Italia dopo aver sbaragliato la concorrenza in un contest nazionale, Piepaolo Capovilla, frontman del Teatro degli Orrori, con Obtorto collo, il lavoro che ne segna l’esordio da solista, i liguri Zibba & Almalibre, una delle più interessanti realtà del nuovo cantautorato italiano, e Dubioza Kolektiv, il fenomeno musicale balcanico che si è imposto sui palchi dei più importanti festival europei e che infuocherà col suo travolgente sound la chiusura della serata inaugurale del festival. Resident dj della serata sarà Keller Dj. Sul RadioOhm Stage si esibiranno Alberto Cipolla, 9000dol, Bettieblue, Dagomago.

Tante buone vibrazioni venerdì 22 con la Ragga Coi Cinghiali Night a cura di Liguria Reggae, che vedrà salire sul Main Stage i genovesi Wattabeat, i vincitori del concorso CapiTalent 2014 Maz Villander e Makadam Zena, i poliedrici e versatili Tuamadre, e ancora The Reggae Circus di Adriano Bono, con il loro scoppiettante e variopinto show “musical circense”, unico nel suo genere, e il più famoso, super energetico e festaiolo trio dancehall giamaicano Ward 21, accompagnati nell’occasione, e per presentare il nuovo album Still Disturbed, dalla special guest Marcy Chin, giovane talento della loro scuderia.

Il RadioOhm Stage ospiterà Mano, Macs Inghio, Diecicento35, Eugenio in Via di Gioia e, a metà strada tra letteratura e musica, l’attesa esibizione dei Wu Ming.

La serata conclusiva di sabato 23 vedrà protagonisti sul Main Stage The Chain Gang, straordinaria band soul guidata dalla sensuale frontwoman Chantal Saroldi, i “padroni di casa”, i Lou Seriol, una delle più interessanti voci della riscoperta dei suoni occitani, l’esplosivo duo romano Bud Spencer Blues Explosion, in tour col loro terzo lavoro, e in chiusura la storia dell’elettronica IDM, dalla Germania i Mouse on Mars. Ad animare i cambi palco sarà il duo di djs The Bad & the Ugly.

La programmazione del RadioOhm Stage si aprirà con Duplo e a seguire Window Show for Love, I Maurizio, Canibal Hitler, Your Noise.

Ogni sera al termine dei concerti si potrà continuare a ballare nella Dj Room (giovedì 21 con Dj Lucone, venerdì 22 con Dominoteppa e sabato 23 con Playmob) e presso lo spazio dancehall curato da Liguria Reggae.

EVENTI E ATTIVITA’ COLLATERALI
Non solo musica a FORTISSIMO, che ospiterà Illustrissimo, una rassegna interamente dedicata al mondo dell’illustrazione con in programma incontri, laboratori (serigrafia su magliette, disegno con stencil, creazione di una fanzine e realizzazione di ritratti con lamette da barba, paesaggi con la gomma liquida e dripping come tecnica illustrativa di grafica) e esposizioni: I vestiti nuovi di H.C. – 14 illustratori interpretano le fiabe di Andersen, Di foglie e di mattoni (Luca Di Sciullo, Maurizio Lacavalla, Simone Pace), La Storia Verde (Lara Caputo e Gianluca Sturmann), Red&noire (Alex Raso) e Carne (Luca Marcenaro).

Gli appuntamenti dell’area letteratura prenderanno il via giovedì 21, alle 17.00, con il reading di poesie Testicoli di Alessandro Barbaglia e proseguiranno venerdì 22 a partire dalle 15.00 con la presentazione, a cura dell’Associazione Switch On Future, del libro Beati Scarafaggi di Andrea Scarscelli, la lettura dei migliori estratti del premio Provincia cronica, organizzato da AsapFanzine, il reading di poesie di Luca

Buonaguidi, accompagnato dalla musica di Chris Yan, e alle 19.00 l’incontro col collettivo Wu Ming. Sabato 23 nel pomeriggio verranno presentati i libri Stalin + Bianca di Iacopo Barison, Legami d’acqua di Sara Brugo e La tv che mi piace di Alessandra Comazzi, critico televisivo de La Stampa.

Nelle giornate di venerdì 22 e sabato 23 sarà possibile partecipare, sin dal mattino, a escursioni organizzate per scoprire vita, storia, leggende e curiosità del forte e della valle alpina che lo ospita, passeggiate di birdwatching e sedute di yoga nella natura.

E ancora, tra le tante altre attività in programma: laboratori di gioco e letture per adulti e bambini a cura della Libreria Arcipelago, workshop di didjeridoo con Manuel “Ramu” degli Orange Duo e Daniele Pasquero di The Emeralds Tree, stage di boulder e invito all’arrampicata a cura dell’Associazione Up-Punto e uno spazio cinema con i cortometraggi dell’Overlook Festival.

CUCINA

FORTISSIMO offre un ampio menù per tutti i gusti e tutti i palati. L’”invasione” dei cinghiali in Piemonte porterà con sé alcune specialità liguri (tire della Valbormida, fugassin, focaccia genovese…), oltre a una selezione di pasta fresca, tra cui le troffie al pesto. Non mancherà l’angolo dei dolci, con le macedonie e i frullati di Oscar e gli ormai mitici bomboloni della Carla. Nella bellissima cornice delle nicchie interne alle mura del forte si troverà una fornita vineria, che saprà proporre l’abbinamento giusto per ogni piatto. Non mancheranno la birra artigianale del birrificio Scarampola di Millesimo, i cocktail con i bio liquori di Origine o il vero pastis artiginale di Argalà.

AMBIENTE

A FORTISSIMO siamo attenti all’ambiente e per questo si è diminuito il numero delle stoviglie usa e getta, scegliendo di utilizzare bicchieri lavabili in PET. Ciò consentirà di limitare la quantità di rifiuti da smaltire.

Oltre all’utilizzo dei mezzi pubblici, inoltre, FORTISSIMO promuove in collaborazione con BlaBlaCar.it, l’utilizzo del ride sharing quale soluzione economica ed ecologica per raggiungere il festival.

Per maggiori informazioni su programma, ticket e abbonamenti:

Web http://ballacoicinghiali.it/fortissimo/
Facebook https://www.facebook.com/events/653085741453145/ Twitter https://twitter.com/staycinghial

 

KALI YUGA “KY”

KALI YUGA

KY

800A Records/Audioglobe

ky_cover_sm

Nati a Palermo agli inizi degli anni ’90, riappaiono come dal nulla i KALI YUGA, formazione dalle ruvide sonorità tra stoner ed hardcore che chi seguiva le vicende del rock italiano nei nineties forse ricorderà. Proprio alla fine di quel decennio decidevano di sciogliersi, dopo aver dato alle stampe un CD per Vacation House, The Underwater Snake Is Waiting, un 7” in tandem con i One Dimensional Man, ed aver lasciato un segno indelebile nella memoria di chi li aveva visti dal vivo grazie alle loro infuocate esibizioni live. Un paio d’anni fa, uno special radiofonico dedicatogli dal musicista/produttore Marco Monterosso e la presentazione del libro “Palermo al tempo del vinile” li riportava letteralmente in vita. Agli storici Bizio Rizzo (voce e chitarra), Giancarlo Pirrone (chitarra) e Fabrizio Vittorietti (bassista della band nel triennio ‘97/’99), si aggiunge oggi il nuovo batterista Alessandro Guccione e, dopo aver dato alle stampe il ghost album Stoned Without The Sun, tornano nei negozi con un vero e proprio nuovo disco, KY, disponibile solo in vinile 12” o in digitale. Ed è davvero un bel sentire, nessun dubbio in proposito. Contenente otto canzoni inedite scritte lungo l’arco di vent’anni, l’album si riallaccia alle ultime fasi di carriera prima dello scioglimento, ma pure segna una decisa ripartenza con nuove prospettive e nuove energie messe in campo. Rispetto al passato, i Kali Yuga di oggi sono decisamente più melodici e “pop”, meno ottundenti e più propensi ad offrire una più ampia gamma di sensazioni sonore. Non che il loro sound non rimanga ruvido e colmo di riff ed affondi chitarristici distorti ma, complice pure l’espressività vocale di Rizzo, molti dei pezzi trovano il loro quid nella brillantezza delle melodie. A completare il quadro, ci pensano poi le canzoni, classiche nel loro aderire sostanzialmente a stilemi anni ’90, ma sempre personali e, quel che più conta, ottimamente scritte. 9:04 (Here She Comes) pare un mix loureediano/bowiano in salsa Dinosaur Jr; B Love S prende le forme di una ballata tardo grunge dalle ampie striature psichedeliche; The World Outside sta in bilico tra i riff di chitarra di Pirrone e la sostanza melodica delle parte vocale; lo stesso si può dire di Where I Used To Go, la cui ariosità melodica, vagamente velata di dolce malinconia, fa pensare alle pagine migliori dei Nada Surf. Picchiano senza requie Idols e Drunk’n’Sad, la prima tramite un fulgido hard-rock’n’roll stradaiolo, la seconda tornando a frequentare i lidi stoner, sia pur più QOTSA che Kyuss. So Are You, con la sua melodia strascicata, non poco ricorda gli Strokes del primo album, mentre la conclusione è affidata alla lunga e visionaria Siren (Fuck Like A Motorpsycho), oscillante tra martellanti attacchi al fulmicotone e più lisergici ed ossessivi passaggi (la band norvegese citata nel titolo è ben più che un indizio). Un ottimo rientro in pista, che contiamo di festeggiare ulteriormente cercando di intercettarli in concerto al più presto.

Lino Brunetti

CLUSTERSUN “Out Of Your Ego”

Da Catania provengono i CLUSTERSUN che pubblicano il loro debutto intitolato Out Of Your Ego (SeaHorse/Audioglobe). Con la loro musica ci si tuffa a capofitto indietro negli anni ottanta, in una stratificazione completa di quello che la new wave ha prodotto in quegli anni, con echi che a volte virano verso i New Order, altre verso i Cure, addirittura alcune fiammate dalle parti dei Simple Mind e non ci si annoia perchè l’album è ben prodotto e le canzoni ci sono. Forse fin troppo sospese e glaciali, magari qualche inserto più sostenuto avrebbe giovato maggiormente per scompigliare un po’ le carte, ma questo è un piccolo parere personale che non inficia la bontà del loro debutto. Ottimo il crescendo wave di Planar I, delicato il dream pop di Floating, per un disco che si chiude con i notevoli sette minuti abbondanti di Clustersun che si dipanano leggiadri in uno shoegaze finalmente fragoroso. Da ascoltare, infatti noi ve lo proponiamo in straming sul web di Backstreets!

Daniele Ghiro

artworks-000076264266-86685n-t500x500