Ten Years Of Secret Mixtapes Kept Under My Bed

AUTORI VARI

Ten Years Of Secret Mixtapes Kept Under My Bed

Under My Bed

Gran bella compilation questa pubblicata dalla minuscola UNDER MY BED records, allestita per celebrare il decennale dalla nascita della stessa. Ten Years Of Secret Mixtapes Kept Under My Bed è un’ottima raccolta per più motivi: innanzitutto perché porta (si fa per dire) alla luce del sole, una serie di nomi che definire carbonari è poco. E poi, soprattutto, perché i suddetti nomi sono autori di una musica per molti versi notevole e portatori di un’idea sonora assai coerente, unitaria, veicolante uno stesso mood. Entrando nel dettaglio, un po’ tutti i nomi qui contenuti, offrono un suono cantautorale ombroso e malinconico, venato di quella weirditudine tipica di certo misterioso new-folk americano, stando più o meno in bilico tra certe scarne trame acustiche del primo Oldham o degli Smog e una tendenza alla (moderata) sperimentazione al limite della psichedelia. E sono davvero bravi tutti, i partecipanti al progetto, dai meno conosciuti (Onq, Lebenswelt, My Shell, Baggage Claim, Campofame, gli americani Empty Vessel Music) ad altri che magari avrete sentito nominare (il My Dear Killer proprietario dell’etichetta, Andrea Rottin, i rockisti Prague, Santo Barbaro), fino a nomi apparsi anche sul Buscadero in passato (i sempre bravi Morose, dei Father Murphy più sfasati che mai, gli Sparkle in Grey). Sono solo 150 copie, affrettatevi!

Lino Brunetti

Ciao a tutti!

Backstreets è una rubrica dedicata alla musica italiana, curata dal sottoscritto e presente sullo storico mensile rock  Buscadero, da ormai quasi dieci anni (è apparsa per la prima volta sul numero del febbraio 2003). Dopo tutto questo tempo è diventato sempre più difficile rendere conto di quanto di buono esce in Italia solo attraverso quelle due paginette. E’, soprattutto, diventato difficilissimo scegliere di cosa parlare, fare la selezione, sapendo bene che per ogni disco incluso, ce ne sarebbero stati molti altri che avrebbero meritato allo stesso modo di essere discussi. Questo è il motivo per cui nasce oggi questo spazio, uno luogo dove proseguire, allargandolo, il discorso portato avanti mese per mese nel Backstreets cartaceo. Si tratterrà sostanzialmente di recensioni quindi, quantomeno inizialmente. Cosa accadrà strada facendo, lo scopriremo assieme…

Lino Brunetti