PRETEEN ZENITH “Rubble Guts And BB Eye”

PRETEEN ZENITH

Rubble Guts and BB Eye

Good Records Recordings

E’ molto probabile che musicalmente poche o punte tracce dell’esistenza dei The Polyphonic Spree riescano ad affiorare anche nella mente dell’ascoltatore più attento, ma è impossibile dimenticare una rock’n’roll band composta da 20 elementi e vestita di candide tuniche quasi si trattasse di una comunità evangelica. Formati a Dallas, Texas nel 2000, da Tim DeLaughter, i Polyphonic Spree sbocciano nel panorama indie-pop americano, proponendo una musica sinfonica e corale come se Pet Sounds fosse il loro vangelo: in breve tempo guadagnano una discreta popolarità attraverso un trittico di album di studio, piazzano qualche canzone in colonne sonore di spot commerciali e film indipendenti e intraprendono una prospera attività concertistica, ricominciata proprio quest’anno dopo una lunga pausa. Salvo un paio di recenti singoli, dall’ultimo lavoro The Fragile Army del 2007, nessuna nuova pubblicazione ha più visto la luce, lasciando intendere che la band attraversasse un periodo di stallo almeno dal punto di vista compositivo: la ragione è probabilmente racchiusa in Rubble Guts and bb Eye, esordio dei Preteen Zenith, il nuovo progetto concepito da DeLaughter insieme all’amico Phillip E. Karnats, con cui aveva già condiviso l’esperienza Tripping Daisy nel corso degli anni ’90. Dal 2009 infatti, DeLaughter incomincia a registrare tracce sul proprio computer con il solo scopo di fissare delle idee, appunti che si trasformano in canzoni quando Karnats lo invita a Chicago, dove il nuovo progetto assume gradualmente forma concreta. I due si chiudono in studio con una pletora di strumenti e con le idee sempre più chiare, cominciano a registrare il materiale per Rubble Guts and bb Eye, mentre alle sessions si aggiungono sempre nuovi collaboratori ed amici tra cui Julie A. Doyle alle voci, Erykah Badu effimero ospite al canto in Damage Control, Jason Garner e Stuart Sikes alla batteria, Dylan Silvers alla chitarra.  Il risultato è davvero sorprendente anche riuscendo ad immaginare quello che potrebbe scaturire da una fantomatica session tra Brian Wilson, Spiritualized e Brian Eno: una musica dove si intrecciano pop, psichedelia ed elettronica in una visionaria alchimia di melodia, campionamenti ed orchestrazioni, capace di evocare i Mercury Rev più barocchi, i più onirici Grandaddy, gli ultimi Sparklehorse o gli Arcade Fire più magniloquenti. Intrecci vocali, singhiozzi lo-fi, bolle ambient, lampi acustici, cambi di tempo improvvisi, ronzio di nastri e lisergiche esplosioni melodiche riempiono le nove tracce di questo debutto, dove nennie a bassa fedeltà si trasformano in vaporose volute armoniche come nell’iniziale Breathe; o nebulosi elettro-pop in minimali code ambient come in Life o Late; dove scintillano memorie psyco-wave in Relief, che potrebbe stare tanto in un disco dei Dr. Dog quanto in uno degli Echo & The Bunnymen; contaminati synth-pop come Damage Control o il monumentale wall-of-sound di Maker; crepuscolari ballate che sembrano sempre sul punto di scivolare nel caos come la splendida Peddling o la sinistra Meat, sospese tra la malinconia di Mark Linkous e le visioni prog del primo Peter Gabriel. Trasformando la melodia in avanguardia, i Preteen Zenith sembrano costituire l’ultima frontiera dell’intellighenzia pop: nulla di quanto contenuto in Rubble Guts and bb Eye potrebbe passare con serenità su una qualsiasi radio, ma di certo si farà apprezzare da chi ha venerato la lungimiranza di dischi come Kid-A dei Radiohead o Loveless dei My Bloody Valentine.

Luca Salmini

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...