DIRAQ “FAKE MACHINE”

DIRAQ

Fake Machine

Autoproduzione

COVER_DIRAQ

Gualdo Tadino e la terra umbra danno i natali a questa band insieme ormai da quattro anni che finalmente raggiunge il traguardo del debutto. Un sound potente e chiaramente debitore alla forza dello stoner di prima maniera, quello di Rated R dei QOTSA tanto per intenderci, come un brano quale See Life Through a Kaleidoscope dimostra in pieno: andamento lento e bruciato dal sole con punteggiature psichedeliche nel finale. Ma non si può inquadrare il tutto in un’unica direzione perché la musica spazia bene anche verso altri lidi. Divertissement violento nell’unico brano italiano del lotto (Vicolo Squallore), psichedelia eterea nello spoken word Leaves On Canvas e un solido impianto di rocciose canzoni che fanno da contorno. Exegi Monumentum Aere Perennius fa il paio con My Mentor In Purgatory: dure e scure, con stilettate chitarristiche di notevole intensità e un colpo interessante nel più classico maelstrom sonico hard con I’m A Ghost e Bad Luck Over Odd Duck. Da seguire.

Daniele Ghiro

ANTEPRIMA STREAMING!

https://soundcloud.com/diraq/sets/fake-machine-diraq/s-ne50q

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...