L’OCÉAN “Primio”

L’OCÉAN
Primio
GP2 Servizi/O.F.F. Studio

a3416505863_16
Che la musica possa essere sollievo ed aiuto in molti modi non sono certo io ad inventarmelo. Che possa essere un modo per tirare fuori potenzialità inespresse e veicolo comunicativo, neppure. A dimostrarlo senza tema di smentita c’è il lavoro che Luca Valisi fa da anni con i ragazzi della Cooperativa Sociale GP2 Servizi, una cooperativi per disabili. L’Océan è una vera e propria band, che fa musica originale, che suona dal vivo (recemente li ho visti prima dei Sorge di Emidio Clementi), che non si limita insomma ad essere un esperimento chiuso fra quattro mura. Ad ulteriore testimonianza di quanto vado dicendo, l’uscita di Primio, il loro album d’esordio, realizzato inoltre col contributo di alcuni nomi noti e piuttosto importanti (la produzione di Fabrizo Modenese Palumbo dei Larsen, la registrazione di Paul Beauchamp, il missaggio di Marco Milanesio, le comparsate di Julia Kent in una traccia e di Ben Chasny/Six Organs Of Admittance in un’altra). La musica realizzata dal collettivo è inseribile nel filone ambient/drone, qui proposto in diverse varianti, il che allontana l’album dal rischio di porsi come una mera curiosità e lo rende un ascolto interessante di per sé. Le atmosfere cameristiche di Elastic Chords (con il violoncello della Kent); il noise industriale che si sfalda nel baluginio insondabile di The Space; la melodia acustica di una inquieta Acqua o della classicista Melodia 75.2; il synth amniotico tra corde e rumorini di Fiery Drops; l’estatico drone della stupenda Blackholes; una Dance Of The Clouds in bilico tra elettroacustica e psichedelia folk, con tanto di suoni in reverse, intrecciarsi di corde, brulicare di rumorini in cui affondare, sono le tappe di questo percorso. Musica non certo immediata, destinata al pubblico che normalmente segue questo tipo di materiali ovviamente, che dentro vi si ritroverà. Ma anche tutti gli altri, però, non si dimentichino de L’Océan, e dovessero capitare dalle vostre parti, andate a vederli dal vivo. Ne vale sempre la pena, credetemi.

Lino Brunetti

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...