40 meno 22 = 18 (anni al Buscadero)

Come tutti saprete, col numero di dicembre 2020 Buscadero ha compiuto 40 anni ininterrotti in edicola, un traguardo clamoroso che tutti ci auguriamo sia solo una tappa in una storia ancora più lunga.

Non è l’unico compleanno che si festeggia in questi giorni. L’altro è più personale, ma almeno per me comunque importante. Col numero di gennaio 2021, quello che sta per uscire, giungo infatti alla bellezza di 18 anni di collaborazione col Busca, divento insomma maggiorenne!

La mia collaborazione – possiamo ben dire la mia prima vera esperienza di scrittura su una rivista, e probabilmente nei primi pezzi la cosa si nota eccome, più di una cazzata sarà scappata e chiedo venia a posteriori – iniziava infatti col numero 243, febbraio 2003, Nick Cave in copertina.

Su quel numero partiva la rubrica Backstreets (erede della vecchia “Bobine”), inizialmente dedicata a demo e autoproduzioni, ma ben presto trasformata in uno spazio dove parlare di quel rock (in senso molto ampio) italiano che non trovava spazio sul resto della rivista, cosa che è ancora oggi.

Prima recensione, invece, quella di Each One, Teach One degli Oneida, disco ben poco buscaderiano che, fin da subito, ha marcato quello che si era più o meno deciso dovesse essere il mio ruolo all’interno della rivista, non dico quello del guastatore, ma comunque quello propenso ad andare fuori dal seminato.

All’inizio qualche mugugno tra i lettori più tradizionalisti l’avrò anche creato, ma Paolo Carù ha sempre avuto fiducia in me e, col resto della redazione, dieci anni dopo, nel 2013, mi ha addirittura accolto nel comitato redazionale.

Qui di seguito troverete una lunga playlist di ben 230 brani, quasi 20 ore di musica. È composta da una selezione di canzoni tratte da alcune delle centinaia e centinaia di dischi che ho recensito in questi anni. Ci sono nomi grossi e non, qualcuno manca perché non c’è su Spotify (ebbene si, non c’è tutto!) e, in qualche modo, la potete vedere come una soggettivissima carrellata sugli ultimi 18 anni in musica, dal febbraio 2003 al gennaio 2021.

Oltre a tutte le altre celebrazioni per il quarantennale del Busca, si aggiunge qui anche la mia. Grazie Paolo, grazie Buscadero e tanti auguri per i tuoi primi 40 anni! E, in piccolo, tanti auguri anche a me!

Best of 2018

Come ogni anno di questi tempi, sulle riviste musicali, sui siti internet, sui blog, finanche sulle bacheche di Facebook degli appassionati di musica, è tutto un fiorire di classifiche, discussioni e discettazioni circa il meglio uscito nell’anno appena passato. Nonostante io ascolti qualche centinaio di dischi nuovi ogni anno, a leggere queste classifiche mi rendo sempre conto che quello che riesco a coprire è solo una piccolissima parte di ciò che esce, il che rende praticamente privo di alcun senso stilare queste interminabili liste.

Siccome spesso è la vita stessa ad avercene poco di senso, cosa ci rimarrebbe se non giocassimo almeno un po’? Io, anche quando non mi ci ritrovo, nelle classifiche degli altri trovo spunti per nuovi ascolti e scoperte e per questo continuo a ritenerle utili e divertenti, quanto basta insomma per spingermi ormai da qualche anno a dare anche il mio contributo.

Cosa dire di questo 2018 appena conclusosi? Sostanzialmente ciò che diciamo da diversi anni a questa parte: tanta, tantissima, troppa (probabilmente) nuova musica, spessissimo di ottimo livello, ma avarissima di capolavori, di dischi che sappiano essere sintesi dei tempi che stiamo vivendo, musicalmente ma non solo.

L’unico disco uscito nel 2018 a cui riconosco la capacità di essere specchio di questo periodo storico e di proporre musica ad altissimi livelli, coraggiosa e per nulla timorosa di sfidare l’ascoltatore è il disco dei Low, senza tema di smentita il mio disco dell’anno e uno dei pochi sui quali mi sentirei di scommettere sul fatto che resisterà al passare del tempo. Da quando è uscito non ho smesso di ascoltarlo e, anzi, con gli ascolti è cresciuto sempre più.

Il resto della lista, esclusi forse i primi 15 titoli, avrebbe potuto, a seconda dei momenti, essere anche piuttosto diversa: il criterio scelto è stato quello dei dischi frequentati di più o comunque ho scelto dischi con una loro forza intrinseca all’interno dei loro generi.

Per quanto sia assolutamente open minded faccio ancora un po’ di fatica a trovare del buono in certa nuova elettronica di consumo, sia essa legata al variegato mondo black (soul, r&b, hip-hop etc) o meno, e di questo mi scuserete (però ho apprezzato non poco gli album di Jorja Smith e Blood Orange). Tutti gli altri generi credo siano in qualche modo toccati, quantomeno nella maxi playlist che va molto oltre i 31 titoli scelti e che v’invito ad esplorare.

Quest’anno ho frequentato pochissimo il mondo delle ristampe, ma almeno un titolo bisogna citarlo, ovvero il maxi boxset dedicato alla riedizione del primo album di Liz Phair.

Che dire d’altro? Buon ascolto!!

Lino Brunetti

DISCO DELL’ANNO

LOW – DOUBLE NEGATIVE

a0366675901_10

GLI ALTRI QUINDICI

JULIA HOLTER – AVIARY

julia-holter-aviary-e1536243709914

TY SEGALL – FREEDOM’S GOBLIN

a1476423984_10

DANIEL BLUMBERG – MINUS

resize

MATTIEL – MATTIEL

a2913277084_10

IDLES – JOY AS AN ACT OF RESISTANCE

a2336397456_10

MARIANNE FAITHFULL – NEGATIVE CAPABILITY

negative-capability-marianne-faithfull-cover-ts1541123523

RYLEY WALKER – DEAFMAN GLANCE

a2308568208_10

SPAIN – MANDALA BRUSH

81d9nc4kpSL._SL1500_

ANY OTHER – TWO, GEOGRAPHY

two-geography

COURTNEY BARNETT – TELL ME HOW YOU REALLY FEEL

a3297919058_10

KURT VILE – BOTTLE IN IT

744861114611

FUCKED UP – DOSE YOUR DREAMS

a0465328280_10

CALIBRO 35 – DECADE

COVER_1500x1500

BODEGA – ENDLESS SCROLL

a1596674546_10

MARC RIBOT – SONGS OF RESISTANCE 1948-2018

maxresdefault

E ALTRI QUINDICI

GNOD – CHAPEL PERILOUS

a2963162185_10

ANNA VON HAUSSWOLFF – DEAD MAGIC

a3291194671_10

PARQUET COURTS – WIDE AWAKE!

Parquet-Courts-Wide-Awake

CAT POWER – WANDERER

cat-power-wanderer

OHMME – PARTS

a1861485548_10

ANNA CALVI – HUNTER

anna-calvi-hunter-e1535613385465

CLOUD NOTHINGS – LAST BUILDING BURNING

a0146488465_10

DRINKS – HIPPO LITE

a3442618147_10.jpg

THE EX – 27 PASSPORT

a0867370351_10

MIND OVER MIRRORS – BELLOWING SUN

a3281551120_10

THE NECKS – BODY

a3079202239_10

JON HOPKINS – SINGULARITY

singularity-jon-hopkins

SONS OF KEMET – YOUR QUEEN IS A REPTILE

Sons-Of-Kemet-Your-Queen-Is-A-Reptile

ONEIDA – ROMANCE

a0675888392_10

RY COODER – THE PRODIGAL SON

ry-cooder-the-prodigal-son

RISTAMPA DELL’ANNO

LIZ PHAIR – GIRLY SOUND TO GUYVILLE

61VKV+tLL-L

BEST OF THE YEAR 2017

Quando ormai ne avrete lette di tutti i tipi e non ne potrete più, ecco che arrivo pure io con la mia lista di fine anno. Stilare queste classifiche è da tempo quasi una piccola impresa. Qual’è, ad esempio, il criterio più giusto da adottare nell’operare queste scelte? Da tempo ascolto centinaia di album all’anno e, nonostante ciò, quello che arriva alle mie orecchie è giusto una goccia nel mare. Essendo una lista personale, a parte il mio gusto, anche quest’anno mi sono basato sulle frequentazioni, ovvero quei dischi a cui, prima ancora che per lavoro, mi sono dedicato continuativamente per puro piacere. In un primo momento avevo messo giù una lista veramente lunghissima – potete farvene un’idea ascoltando la playlist che troverete alla fine di questa breve introduzione – poi, revisione dopo revisione, sono arrivato alla trentina di titoli di seguito elencati. Il fatto è che, al contrario degli anni precedenti in cui ero riuscito a identificare chiaramente due/tre titoli chiave, per me il 2017 è stato un anno colmo certamente di gran bei dischi (tanti, forse pure troppi), ma nessuno a cui affibbiare inequivocabilmente il titolo di disco dell’anno (guardando alle classifiche che si trovano in giro sembrerebbe che questo titolo debba andare al nuovo lavoro di Kendrick Lamar, un album che io, però, ho sentito a malapena una volta e che, quantomeno per quello che riguarda il versante strettamente musicale, non m’è sembrato proprio nulla di speciale). Diciamo che se dovessi proprio sbilanciarmi riducendo ulteriormente la lista, indicherei come top i cinque album che sotto troverete separati da tutti gli altri. Per il resto, il mio consiglio spassionato è quello di esplorare e frequentare la playlist, da usare sia per ricordare le tante uscite dell’anno che, magari, chissà, fare qualche nuova scoperta (che è un po’ l’uso che faccio io delle playlist degli altri). Buon ascolto!

Lino Brunetti

TOP 5 (in ordine alfabetico)

ALGIERS – The Underside Of Powers

algiers-the-underside-of-power

THE DREAM SYNDICATE – How Did I Find Myself Here

howdidifind

KING KRULE – The Ooz

kingkrule_theooz_cover_310717

LCD SOUNDSYSTEM – American Dream

LCD-Soundsystem-American-Dream-cover

THE WAR ON DRUGS – A Deeper Understanding

a-deeper-understanding

Gli altri 25 (in ordine sparso)

GODSPEED YOU! BLACK EMEPEROR – Luciferian Towers

a4189928277_10

THE NATIONAL – Sleep Well Beast

thenational

THE NECKS – Unfold

a3054679805_10

CESARE BASILE – U Fujutu Su Nesci Chi Fa

15626569_10154910827009630_8151467329590613683_o

THE BLACK ANGELS – Death Song

black-angels-death-song

FEIST – Pleasure

0045d5f9

ST VINCENT – Masseduction

DL_TNVcUMAEidry

JANE WEAVER – Modern Kosmology

a2540405666_10

ANDREA LASZLO DE SIMONE – Uomo Donna

uomo-donna-andrea-laszlo-de-simone-cover-ts1497250982

FATHER JOHN MISTY – Pure Comedy

FJM_PureComedy_Covers

MICHAEL CHAPMAN – 50

PoB-29-cover-web

TY SEGALL – Ty Segall

tysegall_dc658_minikylethomas_sq-516f76bee04332f3252324d8d782a2aa0ee5c2be-s900-c85

SLEAFORD MODS – English Tapas

sleaford-mods-english-tapas-1481644382-1024x1024

THE HELIOCENTRICS – A World Of Masks

heliocentrics

THE MAGNETIC FIELDS – 50 Song Memoir

813qle7g-pL._SL1500_

RICHARD DAWSON – Peasant

Richard-Dawson-Peasant-packshot-HI-RES

PROTOMARTYR – Relatives In Descent

a1874843766_10

MOUNT EERIE – A Crow Looked At Me

a0249360790_10

ALDOUS HARDING – Party

AldousHarding_Party

JULIEN BAKER – Turn Out The Lights

JB_cover02

KEVIN MORBY – City Music

kevin-morby

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD – Flying Microtonal Banana

a2731568276_10

JOHN MURRY – A Short History Of Decay

John-Murry

ENTRANCE – Book Of Changes

a2825910035_10

METZ – Strange Peace

metz-strange-peace

Una ristampa

HÜSKER DÜ – Savage Young Dü

husker-du-savage-young-du-4xlp_1024x1024

Concerto dell’anno

NICK CAVE & THE BAD SEEDS, 6 novembre, Mediolanum Forum, Assago (MI)

IMG_8040-800x460

Foto di Rodolfo Sassano