MOTORHEAD “Aftershock”

MOTORHEAD

Aftershock

UDR Records/Warner

motorhead_aftershock_cover_300dpi_130828

Ci sono domande difficili alle quali non so rispondere (E’ nato prima l’uovo o la gallina?), domande che non ha nessun senso porre (Ciao, come va con il tuo tumore?), domande che non me ne frega niente della risposta (Cosa farà domani il presidente della Repubblica?). Poi ci sono le domande inutili e la domanda più inutile di tutte è: Uè, ho letto che è uscito il nuovo disco dei Motorhead, com’è? E’ come chiedere se le banane sono sempre storte o il basilico è ancora verde. Il nuovo disco dei Motorhead è sempre quello, da sempre, vale a dire una garanzia di rock’n’ roll ad alto volume. A volte Lemmy (poche a dire la verità) si è adagiato su coretti che non avevano nessun appeal per la sua voce, qualche singolo che non centrava nulla l’ha anche piazzato, ma quando si dimentica certe cazzate riesce sempre ad essere un credibile rocker. E non potrebbe essere altrimenti per uno che ha vissuto una vita come la sua, sopravvivendo a una lunga, lunghissima, serie di eccessi, tour, droghe, alcol e donne, arrivando alla veneranda età di 68 ancora con la voglia di fare dischi e soprattutto tour. Le cose quest’anno non sono andate per il meglio però perchè per problemi di salute i Motorhead hanno dovuto cancellare una consistente parte del loro tour, interrompendo dopo mezz’ora anche la loro esibizione al Wacken Festival. Nell’attesa della sua completa guarigione ecco che arriva Aftershock e il copione non cambia di una virgola. Fatta eccezione per l’orecchiabile singolo Crying Shame (comunque una buona AC/DC song), il resto sono pelli pestate a sangue da Mikkey Dee, incendiari assolo chitarristici del sempre sottovalutato Phil Campbell e rozzi ululati da parte di Lemmy. Si potrebbe quindi chiudere qui ma invece voglio segnalare Do You Believe con Campbell al top in un classico del loro repertorio, un paio di bluesati pezzi ad alto tasso alcolico (Lost Woman Blues, Dust and Glass) e infine i pezzi che fanno sostanza, quelli tirati nudi e crudi, quelli che sono la vera anima motorheadiana, vale a dire Heartbreaker, End Of Fire, Going To Mexico, Queen Of The Damned, Paralyzed, brani che già dal primo riff sai già come si sviluppano e come finiscono, rassicuranti come la mamma. Ed è garantito che loro sono la mamma di molti di noi.

Daniele Ghiro

Annunci

RAVEN “ROCK UNTIL YOU DROP” DVD

RAVEN

Rock Until You Drop

SPV/Steamhammer

ravfront cover dvd 300dpi

Il lavoro di recupero delle radici dell’heavy metal continua con questi documentari che testimoniano la nascita e l’esplosione (e l’oblio, a volte) di alcune band fondamentali. I lavori fatti da Iron Maiden, Motorhead, Saxon nel recupero dei loro primi anni di vita è veramente divertente ed interessante, ma la loro storia, lastricata di successi e notorietà, è ben diversa da quelle band minori che pur avendo avuto nei primi anni di crescita del metal un ruolo primario, l’hanno poi inopinatamente perso. Emblematica in questo senso la storia raccontata nel magnifico film sugli Anvil, ed è proprio sulla stessa falsariga che si dipana la vicenda raccontata in questo doppio DVD degli altrettanto “fondamentali” Raven. Gli inizi sono i soliti, i fratelli John e Mark Gallagher e l’amico Rob Hunter vivono il proprio sogno musicale nell’inghilterra industriale e depressa dei primi anni ottanta, cattiveria, fame e tanta voglia di fare casino. La nascita dello speed metal e del thrash passa anche attraverso loro, i primi album furono schegge impazzite di rock’n’roll che tanto doveva agli Sweet quanto al punk più intransigente. Poi le cose non sono andate proprio per il verso il giusto, l’ispirazione è scemata e i tempi sono cambiati, ma la voglia di NWOBHM di questi ultimi anni li ha nuovamente riportati in tour per il mondo. Il DVD è assemblato in maniera quasi amatoriale, una sorta di copia e incolla di tutto il materiale che sono riusciti a recuperare, alcuni filmati sono veramente d’epoca, ma di certo si trasformano in autentici cult per i loro estimatori. Il tutto è condito con la solita sfilata di “rockstar” che tributano il loro plauso alla band, tra questi Chuck Billy, Udo, Dee Snider, Lars prezzemolo Ulrich. Quei tempi se ne sono andati ma è giusto ricordare chi ha contribuito in maniera esaltante alla nascita di una scena che ancora oggi seppur trasformata, modificata e “diversa” è ancora viva, pulsante, e ovviamente spaccatimpani.

Daniele Ghiro

BEHOLD! THE MONOLITH “Defender Redeemist”

BEHOLD! THE MONOLITH

Defender Redeemist

Self Released

 

Los Angeles, tra Harley e birra, tra deserto e inferno si muovono questi tre corridori della brutalità. Non fine a se stessa, incanalata nello scranno infernale del doom, nella ricerca di uno stoner deviato, nella personale rivisitazione del metal classico degli anni 80, dai quali proviene come un asteroide l’intro di Guardian Procession. A quel punto Halv King materializza un thrash metal vecchia scuola con voce gracchiante e riff di metal puro. Desolizator si accaparra i riff più lenti degli Slayer era Hell Awaits. Ma da qui in poi le cose si fanno serie perché partono gli undici minuti di Redeemist che sono pregni di doom, quasi scolastico a dire il vero, ma la contrapposizione finale tra durezze metalliche e arpeggi acustici è notevole. We Are The Worm è metal, veloce, melodico, pesante, cosa che sembra anche dalle prime note di Witch Hunt Supreme fino al punto che l’atmosfera si blocca in pozza di fango putrido e la lentezza esasperante di questo pezzo sfianca anche la pazienza dei più allenati a certe non-velocità. Cast On The Black bazzica là dove i Black Sabbath hanno fatto scuola e poi i Melvins ci hanno piazzato in mezzo i loro riff tamarri: quattordici minuti ben strutturati. Sembrerebbe che sia tutto finito ma invece c’è ancora spazio per Bull Colossi che parte alla Sleep, si movimenta su puntate nello sludge dei primi Mastodon e compagnia bella, per terminare con un finale epico dopo l’intermezzo acustico centrale. Non so per quale motivo siano ancora senza contratto (almeno questo mi risulta) ma di certo sono una band da tenere sott’occhio.

Daniele Ghiro