MUDHONEY “Morning In America”

MUDHONEY
MORNING IN AMERICA
SUB POP

a0942472308_10

L’ultimo album dei Mudhoney, Digital Garbage, uscito nel 2018, ci mostrava Mark Arm e soci in forma smagliante, niente affatto intaccati dal passare del tempo. Dalle stesse session di quel disco arrivano le sette canzoni che oggi riempono Morning In America, un EP ancora una volta potente e al passo coi tempi. Il fatto è che l’attuale situazione politica americana sta fornendo buon materiale per mantenere alta l’incazzatura della band, che infatti non manca di farsi portavoce di affondi politici sia nel malatissimo blues melmoso che titola il dischetto, che nel punk affilato e fulminante Creeps Are Everywhere, ma in fondo lungo un po’ tutta la scaletta. In parte inediti, in parte provenienti  dagli ormai introvabili singoli usciti assieme all’ultimo album un anno fa, i pezzi che compongono il programma allineano cover per intenditori (Ensam I Natt della band di culto svedese Leather Nun), hard blues velenosi (Vortex Of Lies, la conclusiva One Bad Actor), punk’n’roll che non lasciano scampo come la bellissima Let’s Kill Yourself Live Again, affondi degni dei migliori Stooges come l’acida Snake Oil Charmer. Della generazione grunge i Mudhoney si stanno rivelando non solo la band più longeva, ma anche quella artisticamente più credibile, non mostrando nessun reale segno di cedimento e, anzi, continuando a palesarsi alfieri del più crudo e autentico rock in circolazione. Teniamoceli stretti! 

Lino Brunetti

TOOL “Fear Inocolum”

TOOL
FEAR INOCOLUM

CLEOPATRA

Tool-Fear-Inoculum

Eccolo qui, finalmente, il tanto atteso disco dei Tool. Tredici anni dopo l’ultimo lavoro si ripresentano con Fear Inocolum infilando un altro tassello indispensabile nella loro discografia. Ecco, l’ho detto subito, tanto per sgombrare subito il campo e poter parlare liberamente. Sei dischi tutti imprescindibili, sempre riconducibili alla loro visione musicale ma comunque profondamenti diversi uno dall’altro, anche se a un primo disattento ascolto possono sembrare molto simili. Non è così: si va dal proto-grunge di Opiate al progressive-grunge di Undertow, si prosegue con la pesantezza metallica di Aenima per arrivare all’apoteosi tecnica di Lateralus, giungendo quindi al rarefatto metal di 10.000 Days. Ora Fear Inocolum si attesta su derive molto progressive (il fantasma degli Yes di Drama, dei Rush di Hemispheres, dei King Crimson di The Power To Believe aleggia in più parti del lavoro) ma per contro si lascia andare anche a ritmiche più serrate rispetto a 10.000 Days con riffoni che ricordano i Meshuggah nelle parti più dure e gli Isis nella costruzione di momenti enormi di pathos esplosivo. Non si dovrebbe prescindere, parlandone, dal ricordare quanto la band abbia giocato sull’attesa, estenuando e riducendo a quasi una barzelletta ogni nuova notizia sulla sua presunta pubblicazione. Non si dovrebbe prescindere nemmeno dal fatto che tredici anni fa i Tool potevano avere una parte centrale negli ascolti di qualcuno ma che ora le direzioni musicali di quella stessa persona potrebbero essere radicalmente cambiate. Insomma, il rischio di un’album fuori tempo massimo c’è tutto e queste motivazioni, per i critici, sono sacrosante. Infine il rilascio di un’unica versione CD limitata (per ora) ad un prezzo non abbordabile da tutti (seppur comprensiva di un packaging da paura, con schermo integrato per contenuti visivi inediti) potrebbe far storcere il naso a più di una persona. Ma il detrattore, oggettivamente, non può imputare alla band scarsa qualità, di aver fatto il compitino per le masse o peggio ancora di essersi venduti. Qui i Tool sfornano un lavoro decisamente più omogeneo rispetto a 10.000 Days, andandone a recuperare le sonorità ma aggiungendo compattezza nonostante una decisa virata verso un songwriting più dilatato (i brani sono tutti oltre i dieci minuti tolti gli “intermezzi” di collegamento) e per cementare il tutto hanno lavorato molto sulla parte strumentale. Proprio per questo Maynard James Keenan è decisamente più frenato nelle sue parti vocali, rinunciando completamente alle sue grida, pur inserendosi a meraviglia nelle melodie ultra psichedeliche della chitarra di Adam Jones, strepitoso nel cesellare una quantità enorme di riff a rilascio lento, sfornando anche assoli inusuali per quanto fatto finora nella band. Ma la parte più evidende nel cambiamento risulta essere una base ritmica che Justin Chancellor al basso imbastisce da par suo sulla batteria dirompente di Danny Carey, vero e proprio motore di tutto l’album. Il suo drumming potente, contornato da una serie innumerevole di effetti percussivi, propone la vera chiave di lettura di Fear Inocolum. Per quanto riguarda le singole canzoni non voglio dilungarmi oltre e prendo una precisa presa di posizione: in un epoca in cui Spotify (del quale sono un assiduo frequentatore) e l’aquisto di un singolo pezzo in rete la fanno da padrone, qui ci sono 80 minuti di musica nei quali ogni singola ultima nota di una canzone si immette alla perfezione nella prima di quella successiva, creando un flusso continuo, un vortice bellissimo da ascoltare al buio, tutto d’un fiato e a volume alto. Bentornati, nella speranza che le prossime pubblicazioni abbiano tempi da comuni mortali e non da film di fantascienza su dilatazioni spazio temporali. 

Daniele Ghiro

SWEET WILLIAMS “Where Does The Time Come From”

SWEET WILLIAMS
WHERE DOES THE TIME COME FROM
GRINGO RECORDS

a0710131045_10

Thomas House è un musicista che ha fatto parte di diverse band (Charlottefield, Joeyfat, Haress) e gli stessi Sweet Williams erano una band prima di dissolversi subito dopo l’uscita del disco precedente. Le canzoni di Where Does The Time Come From evidenziavano però un’urgenza che non permetteva attese, né tantomeno il tempo di mettere assieme un nuovo gruppo di musicisti. Ecco perché quello che sentiamo qui dentro è tutta farina del sacco di House che, isolatosi nel Sussex rurale col produttore Ben Hampson, ha messo su nastro il sound che aveva in mente e che gli bruciava dentro. Il magma di chitarre di Stop I’m Killing You introduce le atmosfere di un disco intimo e involuto, sicuramente dominato dalle distorsioni elettriche, ma anche da una voce mormorante in linea con certo slowcore o col post-rock di matrice slintiana. A quello fanno pensare ottimi pezzi quali Stunt Freeze o Fifties, mentre brani come Very Long Division o Ride A Gold Snail, che arrivano dopo il breve intermezzo strumentale RF, sembrano colorarsi di una patina rock che rimanda alle fantastiche ballate elettriche di un tipo quale Tim Rutili, stando proprio in bilico tra Red Red Meat e Califone. Il pulsare basico e disossato di una sospesa Rust o la catatonica pregnanza dell’ipnotica, raggelata Two Golden Sisters, sono il necessario passaggio che conduce al vibrare elettrico degli ultimi due capitoli di questa concisa, ma profonda raccolta di racconti, la quale guarda a suoni oggi non più tanto di moda, ma comunque in grado di emozionare come hanno sempre fatto. Insomma, un ascolto io glielo darei senz’altro fossi in voi.

Lino Brunetti

La piattaforma DICE arriva in Italia

Portrait_QRTicket_ITQualcosa sta iniziando a cambiare in Italia nel mondo dei concerti, in particolare nella lotta al fenomeno del secondary ticketing. È di questi giorni la notizia dello sbarco in Italia della piattaforma DICE. DICE è una piattaforma inglese di ticketing e discovery. I biglietti sono disponibili solo sul cellulare personale e non possono essere rivenduti dai bagarini.

La società, già attiva in Regno Unito, Francia, Stati Uniti e Australia, prova ora a sbarcare in Italia, a Milano nella prima fase, dove ha deciso di cominciare questa nuova avventura con due show attesissimi: quello di FKA Twigs, il 29 novembre al Fabrique di Milano, e quello di Ricardo Villalobos, il 27 settembre ai Magazzini Generali. La piattaforma ha già infatti chiuso alcune partnership in via esclusiva, come quella con RADAR Concerti, i Magazzini Generali e il Circolo Arci Ohibò. 

Ecco un estratto del comunicato stampa:

“DICE ha un obiettivo: porre fine al bagarinaggio in Italia
In Italia è illegale rivendere biglietti nel mercato secondario.Tuttavia, il fenomeno non è stato debellato. Per combattere le truffe, DICE punta su un’esperienza di ticketing mobile-first. E previene il bagarinaggio in tre modi:
Per prima cosa, i biglietti sono disponibili due ore prima del live solo sul proprio telefono, con due step di autenticazione e ticket “animati” che sono un vero incubo per i bagarini. Poi, le liste di attesa che si attivano in caso di sold out e le modalità di rimborso eliminano la necessità della rivendita. Infine, l’intelligenza dell’applicazione stessa, che sa monitorare e bannare chiunque cerchi di “imbrogliare” il sistema.
Russ Tannen, Chief Revenue Office di DICE, afferma: “La nostra missione è fare uscire le persone di più. Per farlo, dobbiamo rendere il ticketing più equo e aiutare i fan a scoprire gli eventi più esclusivi. DICE è nata per porre rimedio a un sistema di ticketing difettoso. Abbiamo deciso di fornire un’alternativa costruendo una piattaforma “anti-bagarinaggio” e incentrata solo sui fan”.
Giorgio Riccitelli, Managing Director per l’Italia di DICE ed Head of Music di RADAR Concerti, aggiunge: “Scegliere di lavorare solo con DICE significa proteggere i fan con biglietti sicuri presenti solo sul telefono personale, che non possono finire su siti di secondary ticketing. DICE non è solo una piattaforma di ticketing, ma aiuta gli utenti a scoprire nuove eventi e nuova musica, e a creare un’audience più attenta alle novità. Siamo entusiasti di lavorare con un’azienda che mette i fan al centro”.”

L’App di DICE è disponibile sia per IOS che per Android.

 

KAZU “Adult Baby”

KAZU
ADULT BABY
ADULT BABY RECORDS/!K7

Kazu_AdultBaby

Kazu Makino è la punta femminile di quel triangolo musicale che da più di venticinque anni si chiama Blonde Redhead. Nella loro ormai lunga carriera il trio è passato dall’affilato e rumoroso rock sonicyouthiano degli inizi, a una musica sempre più avvolgente, pop, meno facilmente definibile e senz’altro più personale. Con la band ferma al non del tutto convincente Barragan del 2014, la cantante di origini giapponesi decide oggi di esordire in proprio con un disco lungamente annunciato. Ed è solo per una fortuita coincidenza che Adult Baby arrivi quasi in contemporanea con un altro esordio solista, quello imminente di Kim Gordon, che, coi Sonic Youth, dei Blonde Redhead fu, come dicevamo, non solo ispiratrice, ma di fatto madrina. Come in quello della Gordon (lo si vedrà), anche il disco di Kazu affronta territori parzialmente diversi da quelli con cui si è più fatta conoscere, pur mantenendo attiva una certa connessione, qui evidentemente identificabile con una voce e un modo di cantare unico e immediatamente riconoscibile. Adult Baby, concepito nell’Isola D’Elba, dove l’artista vive quando non sta a New York, e registrato tra New York, Berlino e Milano con la collaborazione del produttore Sam Griffin Owens e musicisti del calibro di Ryuichi Sakamoto, Mauro Refosco e Ian Chang, è un disco dalle ammalianti atmosfere oniriche e cinematiche, capace di prendere il versante più pop e malinconico della musica dei Blonde Redhead per portarlo in un più intimo e personale universo dream pop, caratterizzato dalle splendide melodie cantate da Kazu e da musiche allestite con synth e tastiere di tutti i tipi e da un tessuto ritmico che quando c’è movimenta il tutto con efficacia. Non immaginatevi però un disco d’elettronica, perché il mood dominante è quello di un avvolgente canzone pop, a volte struggente per via di una sontuosa orchestralità da soundtrack anni 60 (pezzi stupendi come Come Behind Me, So Good!, Meo, Adult Baby, Undo), altre volte più platealmente calata in un universo sognante e circuente, fatto di sgocciolanti pennellate impressioniste (la bella Salty, l’ondivaga Name And Age, la reiterativa Unsure In Waves). In un caso come nell’altro musica di grandissimo fascino, sempre più convincente ascolto dopo ascolto. Una piccola curiosità, l’immagine di copertina è a opera del fotografo italiano Stefano Masselli.

Lino Brunetti

Kazu presenterà le canzoni del suo album il 16 novembre al Monk di Roma e il 19 novembre al Santeria Toscana 31 di Milano.

WHITNEY “Forever Turned Around”

WHITNEY
FOREVER TURNED AROUND
SECRETLY CANADIAN RECORDS

a4091243208_10

I sogni al principio, la musica, i dischi, le ragazze, il successo, la carriera e alla fine il denaro: tra i tanti motivi che tengono insieme una rock’n’roll band, il batterista e cantante Julien Ehrlich e il chitarrista Max Kakacek mettono al primo posto l’amicizia, perché qualche anno fa è stata la scintilla che ha dato vita ai Whitney e tuttora la forza che li manda avanti. Forse non sarà per sempre, ma al momento tutto ruota intorno alla solidità di un rapporto che dal giorno del loro debutto con Light Upon The Lake del 2016 non ha fatto che rinfrancarsi lungo le tante strade dei tours, nelle sale da concerto che sono diventate sempre più ampie e tra le pareti degli studi di registrazione, dove hanno inciso il nuovo Forever Turned Around. Due teste non fanno una rock’n’roll band, per questo in Forever Turned Around suonano i chitarristi Ziyad Asrar e Print Choteau, il tastierista Malcolm Brown, il bassista Josiah Marshall e il trombettista Will Miller, ma sono Ehrlich e Kakacek a mettere insieme le idee per le dieci canzoni da sottoporre all’attenzione di due produttori come Bradley Cook e Jonathan Rado che ne curano gli arrangiamenti con in mente i successi del soft rock degli anni ’70. Bastano l’epifania del cantato in falsetto, i rintocchi in levare delle tastiere, gli sbuffi soulful degli ottoni o l’aria hollywoodiana degli archi per far supporre che sia al suono soffice e romantico dei dischi degli America, dei primi Bee Gees, dei Toto di Africa o dei Chicago di If You Leave Me Now che sia ispirato l’insieme di tiepide chitarre folk e fragranti melodie pop che riempie le svenevoli ballate di Forever Turned Around. Lasciandosi trasportare dal sentimentalismo, i Whitney cantano degli alti e bassi delle relazioni umane, dei dubbi, delle paure e delle gioie dell’esistenza con l’ingenuità della gioventù e tutto il savoir faire che contraddistingue il songwriter dal principiante, perchè è chiaro che Forever Turned Around non è il disco con cui sollevare un po’ di chiacchere nel circuito indie, ma il lavoro studiato, elaborato e levigato fin nei minimi dettagli con cui dare un senso alla propria carriera. Del resto, nella realizzazione di Forever Turned Around Ehrlich e Kakacek non si sono fatti mancare quasi nulla di quanto scalava le classifiche qualche decennio fa, a partire dal leggero solletico di canzoni d’amore come la raffinata Giving Up, dall’ariosa musicalità country pop di Day & Night e Friend Of Mine, passando per umbratili ballate sospese tra folk e soul comeUsed To Be Lonely, per le orchestrazioni bacharachiane di Before I Know It, per il morbido carosello soul jazz della strumentale Rhododendron, fino al pop allo zucchero filato di My Life Alone e alle barocche sviolinate della sensuale titletrack. Con tutta la spensieratezza del caso, i Whitney cantano la gioia di vivere dei loro vent’anni come se il futuro fosse radioso e l’America d’oggi nient’altro che la terra del latte e del miele degli anni ’60 e ’70: l’effimera piacevolezza di Forever Turned Around racchiude tutta l’amorevole innocenza di questa illusione.

Luca Salmini

MEGA BOG “Dolphine”

MEGA BOG
DOLPHINE
PARADISE OF BACHELORS

a3609778076_10

Sebbene possa suonare straniante, “…una profetica Laura Marling o una Nico spaziale...” è la maniera in cui l’emittente radiofonica statunitense NPR cerca di afferrare l’inafferrabile della musica di Mega Bog, pseudonimo della raffinata cantautrice Erin Elizabeth Birgy, all’esordio su etichetta Paradise Of Bachelors con il quinto album di studio Dolphine. Per quanto pertinenti, così come potrebbero esserlo la Joni Mitchell del periodo jazz, il crooning emotivo di Rickie Lee Jones o le alliterazioni avanguadistiche di Lori Anderson, nessun paragone o insieme di essi potrebbere rendere l’idea di quanto contenuto in Dolphine, se non con le intenzioni di cogliere almeno la complessità di un songwriting che si ispira alla letteratura e alla poesia e le stravaganti suggestioni di una musica che oscilla tra pop e avanguardia e ha tutta l’aria di un manufatto d’arte moderna più che di una classica raccolta di canzoni. Per accorgersi di quanto Dolphine sia un disco fuori dal comune, basta forse considerare che per la sua realizzazione l’autrice si è ispirata a un antico mito secondo cui le origini dell’umanità sarebbero la conseguenza di un’evoluzione terrestre dei delfini: materiale da autentici visionari che in qualche modo si riflette nell’astratta sinfonia che riempie le canzoni sospese tra eleganti melodie art-pop, intimismo folk, contrappunti jazz, aperture sinfoniche e attitudine avant come fossero scaturite dai momenti meno limpidi di una band come i Wilco o dai colpi di genio di un artista come l’ultimo Ryley Walker. Per realizzare la complessa alchimia sonica di Dolphine c’è voluto un ensemble di musicisti, che oltre alla voce, alla chitarra e al piano della Birgy, comprende le chitarre di Meg Duffy, il basso di Matt Bachmann, la batteria di Derek Baron, il sintetizzatore di Aaron Otheim, la chitarra e la voce di Ash Rickli, gli effetti e la produzione di James Krivchenia, senza contare il clarinetto di Will Murdoch, il sassofono di Jeff Tobias, i cori di Nick Hakim e Kalen Remy Walther, il contrabbasso di Benjamin Murphy, il sintetizzatore di Zach Burba e le ulteriori chitarre di Austin Jackson. È dai movimenti armonici e dagli intrecci asimmetrici di un organico che è poco meno di un’orchestra e molto più di una rock’n’roll band che prendono forma esperimenti pop come For The Old World, vampate elettriche dall’aura psichedelica come I Hear You Listening, solari caroselli come Left Door, disturbati folk rock in orbita Giant Sand come Diary Of A Rose, partiture minimaliste come la title-track, caraibici swing come Truth In The Wild, arie da colonna sonora come la strumentale Fwee Again o spettrali ballate folktroniche come Waiting In The Story. Punto d’arrivo di una ricerca rifinita nel corso degli ultimi 10 anni e trampolino di lancio verso una carriera che ci si augura possa impegnare Mega Bog per i decenni a venire, Dolphine ha le potenzialità per diventare quello che gli americani definirebbero “break-through album” per una delle cantautrici più colte, ispirate e piene di idee emerse dall’underground in questi ultimi tempi.

Luca Salmini