NOTTURNO GIOVANI e VA SUL PALCO 2013

NOTTURNO GIOVANI: musica e protagonismo giovanile tra opportunità di oggi, risultati passati e prospettive future.

Va sul Palco 2013: ritorna il concorso nazionale per band emergenti varesino con cinque serate all’insegna della musica di qualità. In uscita con Ghost Records “Shipwrecks”, l’album dei Videodreams, vincitori di Va sul Palco 2012.

Comunicato stampa
Torna alle luci della ribalta “Va sul Palco!”, concorso nazionale per band emergenti giunto alla sua settima edizione. Il concorso negli anni, grazie al bando Giovani Energie in Comune di ANCI e Ministero della Gioventù nel quale il Comune di Varese è giunto primo a livello nazionale nel 2010-2011, e, grazie al contributo di Fondazione Cariplo nel 2012, ha offerto ottime occasioni di crescita professionale per i gruppi che hanno partecipato.

Ne sono un esempio i Videodreams – Filippo e Marco Marra, duo di fratelli udinesi e vincitori del premio della giuria tecnica dell’edizione passata del contest – con un album in uscita il 9 aprile per la casa discografica Ghost Records (“Shipwrecks”), partner del progetto Notturno Giovani. Registrato tra novembre e dicembre 2012 — EDAC Studio (Como) e Ghost Studios (Varese) da Enrico Mangione, mix e master a cura di Valentino Cimenti — quest’album si può definire come un sequel del secondo ep “Wet Pain”, ma anche come la chiusura di un capitolo. “Shipwrecks sta per “naufragi”, una metafora usata qui per descrivere delle situazioni in cui è necessario mettere in discussione tutto per sopravvivere (come la fine di una storia d’amore)” dice la band. “Cosa tenere, cosa lasciar andare, in sostanza si tratta di prendere delle decisioni fondamentali. Quello che si “guadagna” poi alla fine di un naufragio è un nuovo punto di vista sulle cose, si torna nel mondo con una nuova pelle, si è più inclini a non trattenere le cose inutili e più grati verso quello che si ha e che la vita offre.” I Videodreams sono anche reduci dalle riprese del loro primo videoclip, altro premio della giuria tecnica dell’ed. 2012 di Va sul Palco, grazie alla collaborazione di Mondovisione di Cantù (CO), partner del progetto Notturno Giovani e alla regia di Lucia Bulgheroni, giovane videomaker varesina vincitrice della sezione “Notturno Giovani Videoclip” di Cortisonici 2012.

Tra i risultati di successo del progetto Notturno Giovani è d’obbligo citare l’album “Tutte le canzoni” – (Ghost Records) de Il Triangolo, band del luinese vincitrice del concorso nell’edizione 2011 e rivelazione del 2012, annoverato tra i 10 migliori album del 2012 dal MEI- Meeting delle Etichette Indipendenti e da Il Mucchio, importante rivista del panorama musicale indipendente (http://www.statoquotidiano.it/11/02/2013/mei-e-mucchio-indipendenti-ventanni-dopo/127165/).
Quest’anno nonostante le ridotte disponibilità economiche e i tagli subiti dal progetto Notturno Giovani si è tentato di riproporre premi di qualità e all’altezza di quelli messi in palio nelle edizioni passate. Il premio più importante, quello assegnato dalla giuria tecnica, consisterà anche quest’anno infatti nella produzione, nella stampa e nella promozione di un CD per la band vincitrice.
Cinquanta le iscrizioni giunte da ogni angolo di Italia (qualche band dalla Sicilia, Campania, Lazio, Liguria, Emilia Romagna, Piemonte). Chiusa la fase di selezione delle 12 band che accederanno al concorso, si entra ora nel vivo del contest. Tutte le serate si svolgeranno presso le cantine della COOPUF in via De Cristoforis n. 5 a Varese, grazie alla collaborazione della cooperativa stessa e saranno ad ingresso gratuito.

  • Svolgimento delle serate. Nelle prime quattro serate si esibiranno 3 gruppi per serata e nel corso della serata finale si esibiranno solo le 3 band in lizza per il premio relativo alla giuria tecnica. Ecco il programma e le band in concorso:
  • 1°serata di concorso: sabato 13 aprile 2013 PLANKTON DADA WAVE, MARCELLO UBERTONE, IL RUMORE DELLA TREGUA
  • 2°serata: sabato 20 aprile 2013 2FACES, DISTINTO, SUSPENSION DOTS
  • 3°serata: sabato 4 maggio 2013 JUNK FOOD, LORENZO PISANELLO, SOVIET MALPENSA
  • 4°serata: sabato 11 maggio 2013 DEAD BEAT, GOUTON ROUGE, SCRATCH ON THE BLACKBOARD
  • Finale: sabato 18 maggio 2013

* I PREMI IN PALIO E LE GIURIE. Premio della giuria tecnica: produzione, stampa di un CD e relativa promozione a cura di un’agenzia qualificata.
Premio della giuria giovani: mini tournèe nazionale e/o possibilità di avere una data internazionale. Premio della giuria popolare: buono acquisto di 250,00 € in strumentazione musicale ed esibizione live presso il Gasch Festival di Gazzada Schianno (VA) che si terrà a luglio 2013 (https://www.facebook.com/gasch.musicfestival.3) e che ha visto in passato la possibilità di alcune band emergenti di aprire artisti come Dente, Lo Stato Sociale, etc.

Le band saranno valutate da una giuria tecnica, una giuria giovani e una giuria popolare. La giuria tecnica sarà composta da esperti del settore musicale. La giuria giovani sarà composta da ragazzi contattati dal servizio Informagiovani e Politiche Giovanili del Comune di Varese e dalla Coop. Soc. NATURArt. La giuria popolare sarà composta dal pubblico presente alle serate.
* NOVITA’ 2013: durante la serata finale del concorso verrà richiesto alle 3 band in lizza per il premio della giuria tecnica, un’esibizione live in versione unplugged, con un arrangiamento e un’esecuzione dei propri brani in maniera originale attraverso proiezioni di video, presenza di ospiti sul palco, etc. Continua la partnership col sito Indieroccia.it, media partner del progetto mentre quest’anno NeverWas Radio sarà la radio web ufficiale del concorso attraverso cui si darà spazio alle interviste in diretta, sia per conoscere i gruppi in gara sia al pubblico per raccogliere pareri e commentare le esibizioni. Essa verrà gestita in collaborazione con l’associazione di promozione sociale “s.m.Art”. Ai microfoni oltre gli speaker ufficiali, ci saranno anche i ragazzi coinvolti dal progetto da Naturart e Informagiovani di Varese.

* IL PROGETTO NOTTURNO GIOVANI – PARTNER: Comune di Varese – Informagiovani e Politiche Giovanili, la Cooperativa Sociale NATURArt, la casa discografica Ghost Records, il Centro di Formazione Musicale di Barasso (VA), la Cooperativa Sociale Mondovisione di Cantù (CO), l’agenzia di booking La Frequenza, l’agenzia di ricerca sociale CODICI, COOPUF, Twiggy Cafè, gruppo giovani Pro Loco Luvinate per Luvonrock, Gasch Music Festival di Gazzada Schianno (VA), S.m.Art e mediapartner Indieroccia.it

*PER INFO: Facebook: Notturno Giovani – Twitter: @VaSulPalco – E-mail: notturnogiovani@gmail.com
tel. Informagiovani Varese 0332-255445 o 0332-255441 – Cooperativa Naturart: 392-9610911

v-ide-580x214

Annunci

TU FAWNING live @ Twiggy Club, Varese, 6 ottobre 2012

Varese non è una città (ed una provincia) facilissima per la musica indipendente. Forse sconta non poco la sua eccessiva vicinanza a Milano; forse, semplicemente, gli appassionati ed i frequentatori di locali e concerti non sono abbastanza per garantire sempre e comunque una buona partecipazione. Varese, che pure grazie alla Ghost Records, in passato era giunta agli onori delle cronache grazie alla sua scena cittadina, non ha insomma, al momento, quella stessa brillantezza che, solo per rimanere in ambito lombardo, hanno invece città come Brescia o Bergamo. In questo contesto, da qualche anno, a contrassegnarsi come autentico baluardo di resistenza, c’è il Twiggy, un locale portato avanti con passione e con, immagino, tanto impegno e fatica, proprio da Francesco Brezzi e Giuseppe Marmina della Ghost. Posto proprio nel centro cittadino, il Twiggy, nel corso del tempo, ha coraggiosamente visto sfilare tra le sue accoglienti mura, non solo grandi bands italiane come Il Teatro Degli Orrori, gli Amor Fou, Dente o i Ronin (per non dirne che una piccolissima parte), ma pure artisti di assoluto livello internazionale come The Silver Mt. Zion, Crippled Black Phoenix, Barzin, Jackie-O Motherfucker, Sin Ropas. Ultimi, per ora, ad aver calcato le assi del suo palco, i bravissimi TU FAWNING, tra l’altro al loro secondo passaggio varesino, visto che anche in occasione dello scorso tour erano passati da qui. Con alle spalle la recente pubblicazione del loro secondo album, il bellissimo A Monument (su City Slang), la band di Portland, Oregon, per nulla sconsolata da una presenza di pubblico inferiore alle aspettative (a grandi linee un centinaio di persone), ha dato vita ad uno show dinamico e frizzante, dove le loro contaminazioni alchemiche hanno avuto modo di dispiegarsi in maniera assolutamente compiuta. Che siano una band speciale, lo dimostra già il modo col quale i quattro si muovono sul palco, scambiandosi gli strumenti e dando vita a sfumature musicali che pure dal vivo, pur con l’ovvia energia ed istintività dell’esibizione live, non vengono perse. Al centro di tutto c’è ovviamente Corrina Repp, affascinante cantante, esuberante performer, indifferentemente brava sia alla chitarra che alla batteria. Le sue melodie sono ovviamente il cuore pulsante della musica dei Tu Fawning, la quale poi diventa qualcosa di originale e fresco grazie alle cangianti pennellature date dalla band tutta. In questo senso è fondamentale l’apporto di un musicista capace come Joe Haege (ex Menomena e 31Knots), autentico regista della formazione, diviso fra batteria, chitarra e samples, anche se non si possono certo minimizzare neppure l’apporto della bella e brava Lisa Rietz (violino e tastiere) e dello stranito ed allampanato Toussaint Perrault (fiati, tastiere, percussioni, chitarra). Non cambiano particolarmente rispetto ai dischi le loro canzoni in concerto, ma la loro grande comunicatività, il loro calore ed una musica che rimane comunque intensa e fantasiosa, non possono che colpire favorevolmente. Nell’ora abbondante di show, hanno fatto sfilare brani di entrambi i loro album, a cui, nel bis, s’è aggiunta una bella ed esplicativa cover di Love Will Tear Us Apart dei Joy Division. Il gran finale è stato poi all’insegna della gioia festosa, con tutti i membri della band a suonare percussioni tra il pubblico, cantando in coro con chi voleva unirsi a loro. Una gran bella serata, che la prossima volta vi consiglio di non perdervi. E tenete d’occhio la programmazione del Twiggy, ne vale sempre la pena!

Lino Brunetti

Corrina Repp

Lisa Rietz

Joe Haege

Toussaint Perrault

Lisa Rietz

Corrina Repp

Joe Haege

All photos © Lino Brunetti