MATTEO TONI “Santa Pace”

MATTEO TONI

Santa Pace

Still FizzyLa Fabbrica/Venus

MATTEO TONI è un cantautore ed eccellente chitarrista che avevamo già conosciuto, sulle pagine del Backstreets cartaceo, ai tempi del suo primo EP. Santa Pace è il suo esordio full lenght e, non solo mostra dei notevoli passi in avanti rispetto all’EP, ma si segnala come un ottimo album tout court. Prodotto da “Cooper” Cupertino e suonato da Toni (voce, chitarra weissborn, lap steel, banjo, armonica, glockenspiel, organo Hammond) con il solo aiuto di Giulio Martinelli (batteria), Santa Pace ci mostra un autore libero da costrizioni e non più ostaggio dei referenti ancora fin troppo evidenti nell’EP. Ora il suo songwriting e la sua abilità agli strumenti sono liberi di fluire in un cantautorato che oscilla tra i suoni duri e oscuri di Bruce Lee vs. Kareem Abdul-Jabbar e Isola Nera, le atmosfere solari della title-track (che ci fanno pensare ad una sorta di Jack Johnson all’italiana), i toni dolcemente intimi di Acqua Del Fiume, il blues psichedelico di una bellissima Fidati o di una Melodià che, più che Ben Harper, fa venire in mente un Chris Whitley particolarmente selvaggio. Le sue chitarre weissborn – suonate ovviamente da seduto e col bottleneck – svisano tracciando melodie, riff e solos, mentre anche come cantante dimostra di possedere una certa personalità. Disco davvero eccellente, insomma, ed un autore da tenere d’occhio.

Lino Brunetti