Best 2019

Più che su riviste, siti o webzines – che come sempre sono pieni di recensioni, articoli e interviste – è tra molti appassionati di musica sui social che serpeggia il luogo comune secondo il quale non uscirebbe più musica interessante. Per quello che mi riguarda è vero esattamente il contrario: ne esce troppa!!!

La verità è che essere realmente convinti che non ci sia più buona musica in giro non può che significare che di ciò che esce oggi non si ascolta nulla o, forse peggio, che lo si fa esclusivamente con orecchie ancora ferme alla musica del passato, rimanendo del tutto refrattari a qualsiasi cambiamento. Forse è vero che manchino i capolavori capaci di segnare un’epoca e che suoni autenticamente nuovi latinino un po’ in tutti i generi, ma ciò non toglie che escano ancora tonnellate di album capaci di emozionare, esaltare, incuriosire.

Detto questo, come ormai da molti anni a questa parte, voler sintetizzare un’annata con una trentina di titoli è impresa tra il folle e lo sciocco, ma proprio per questo è sempre così divertente farlo. La lista che troverete qui sotto è ovviamente frutto di ascolti parziali – pur avendo ascoltato centinaia di album nuovi, quanti me ne sarò persi che avrebbero potuto finire in questa lista? – del tutto soggettiva, che non può che essere specchio dei miei gusti e di quello che alla fine ho ascoltato di più. Come sempre, quindici titoli sono in maggior evidenza, mentre gli altri quindici sono potenzialmente intercambiabili con altri.

Il mio disco dell’anno è probabilmente quello dei Purple Mountains di David Berman, un disco straordinario a prescindere dalla fine del suo sfortunato autore, con canzoni a dir poco fantastiche musicalmente, melodicamente e liricamente. Subito a ruota l’album dei Lankum, un pugno di canzoni intente a rivisitare il folk che mi sono entrate nel profondo in un battito di ciglia e che proprio non riesco a smettere di ascoltare. Per molti versi questo è stato l’anno dei Big Thief, due dischi uno più bello dell’altro a dimostrarlo. Della classe di personaggi come Bonnie “Prince” BillyBill Callahan, Tim PresleyCesare Basile Vinicio Capossela non c’è da dir quasi nulla, se non che tutti i loro nuovi lavori sono vette nelle rispettive discografie. Due dischi che indubbiamente hanno segnato l’annata sono quelli di Nick Cave e LINGUA IGNOTA, due album dolorosi e difficili che ho fatto una certa fatica ad assorbire e a farmi piacere, ma che alla fine mi hanno definitivamente conquistato con la loro intensità. Per il resto sempre immensi gli Swans, anche in questa loro ennesima, nuova incarnazione, come grandi si sono dimostrati i Mercury Rev nella loro rivisitazione del dimenticato capolavoro di Bobbie Gentry, The Delta Sweete. Con All Mirrors Angel Olsen dovrebbe aver convinto ormai tutti del suo immenso talento, ma sono molte le cantautrici che ci hanno donato ottimi lavori nel 2019: qui ho messo in evidenza Weyes BloodJulia JacklinAldous HardingCate Le BonAmanda Palmer, a cui si potrebbe idealmente aggiungere l’esordio di una Kim Gordon finalmente convincente nel suo post Sonic Youth, ma nella playlist ne troverete altre. Per quel che riguarda il resto, in lista trovate un po’ di giovani band come Fontaines D.C., Vanishing Twin Diiv, la poesia di Kate Tempest, le sperimentazioni futuriste di Holly Herndon, il jazz spaziale dei Comet Is Coming, outsider come Tropical Fuck Storm 75 Dollar Bill, i sempre enormi Sleaford Mods, due modi distanti di vedere la canzone d’autore come messo in chiaro da Craig Finn Bon Iver.

Il consiglio, comunque, rimane sempre quello di farvi un giro per la playlist che trovate alla fine dell’articolo, dove i titoli arrivano a 112 (per quasi nove ore ininterrotte di musica) e neppure quella riesce a fare una panoramica completa dell’universo musicale targato 2019.

Essendo anche a fine decennio, non è improbabile che prossimamente si tenti di fare un sunto anche di questi “Anni Dieci”. Vedremo, intanto buon ascolto!

Lino Brunetti

I QUINDICI

PURPLE MOUNTAINS – Purple Mountains

purple-mountains

LANKUM – The Livelong Day

a3764518767_10

BONNIE “PRINCE” BILLY – I Made A Place

bonnie-prince-i-have-made-a-place-650x650

SWANS – leaving meaning.

swans-leaving-meaning

BIG THIEF – U.F.O.F./Two Hands

bigthief-960x960

big-thief-two-hands

THE COMET IS COMING – Trust In The Lifeforce Of The Deep Mystery

the-comet-is-coming-trust-in-the-lifeforce-of-deep-mystery-e1548084563689

MERCURY REV – Bobbie Gentry’s The Delta Sweete Revisited

mercury-rev-bobby-gentry-e1546946531215

LINGUA IGNOTA – CALIGULA

lingua-ignota-caligula-2019

NICK CAVE AND THE BAD SEED – Ghosteen

C_2_articolo_3233539_upiImagepp

ANGEL OLSEN – All Mirrors

Angel-Olsen

75 DOLLAR BILL – I Was Real

a0364393683_10

FONTAINES D.C. – Dogrel

a3774076881_10

TROPICAL FUCK STORM – Braindrops

a2512211965_10

DIIV – Deceiver

a1931968652_10

KATE TEMPEST – The Book Of Traps And Lessons

81eKIzxMXGL._SL1200_

GLI ALTRI QUINDICI

BILL CALLAHAN – Shepherd In A Sheepskin Vest

81O1BmR9jyL._SL1200_

TIM PRESLEY’S WHITE FENCE – How To Feed Larry’s Hawk

WF_web1_1024x1024@2x

CATE LE BON – Reward

MEX250_Cate-Le-Bon_Reward-Web-Standard

KIM GORDON – No Home Record

kim-gordon-No-Home-Record-e1566312939187

VANISHING TWIN – The Age Of Immunology

91LGrEJUBaL._SL1500_

WEYES BLOOD – Titanic Rising

weyes-blood-titanic-rising-1549983120-640x640

AMANDA PALMER – There Will Be No Intermission

55a5dc3a6c3030220cc7550e569517d5

CRAIG FINN – I Need A New War

Finn

JULIA JACKLIN – Crushing

juliajacklin

CESARE BASILE – Cummedia

cover-album

SLEAFORD MODS – Eton Alive

smcover

VINICIO CAPOSSELA – Ballate Per Uomini E Bestie

vinicio-capossela-Ballate-Per-Uomini-E-Bestie-album-cover

ALDOUS HARDING – Designer

aldousharding-960x960

HOLLY HERNDON – PROTO

Proto

BON IVER – i,i

bon-iver-i-comma-i-2019-album-800x800

PLAYLIST

Sleaford Mods in Italia!

Secondo Steve Albini sono una delle più grandi live band in circolazione. Stiamo parlando degli Sleaford Mods, il duo inglese composto da Jason Williamson e Andrew Fearn, autori di una delle musiche più eccitanti in circolazione.

Il loro ultimo, recentissimo album s’intitola English Tapas ed è il solito effluvio di parole in salsa punk/elettronica ed estetica working class.

I due saranno prossimamente in Italia per ben quattro date che, senza giri di parole, non possono che essere definibili come imperdibili.

Gli Sleaford Mods saranno:

il 27 maggio al Santeria Social Club di Milano

il 28 maggio allo Spazio 211 di Torino

il 30 maggio al Locomotiv Club di Bologna

il 31 maggio al Monk di Roma

Qui di seguito la loro performance negli studi di KEXP radio a Seattle.