BIG BUSINESS “The Beast You Are”

BIG BUSINESS
THE BEAST YOU ARE
Joyful Noise

a0059445745_10

Dopo questi ultimi anni passati ad avere in formazione chitarristi di ogni tipo, ultimamente i Big Business sono ritornati alle origini e si ripropongono come duo, la giusta, unica, inimitabile formazione per il combo di Seattle. Sì, proprio la patria del grunge, che guarda caso fa addirittura capolino proprio nella canzone che apre l’album Abdominal Snowman, diretta e potente. Però Jared Warren (basso e voce) e Coady Willis (batteria) hanno sempre percorso altre strade, quelle di uno sludge imbastardito e senza nessuna concessione al metal tout court, loro hanno sempre preso una base di partenza e ci hanno ricamato su semplicemente ciò che hanno voluto. Sperimentando a più non posso percorsi musicali, a volte sono un po’ usciti dai binari, magari qualcosa non sempre è riuscito benissimo, ma il duo ha sempre fatto degli ottimi dischi e ha un marchio di fabbrica riconoscibile immediatamente. Il loro è un oscuro abisso di riff su tempi ritmici marziali (Willis è semplicemente un mostro), strati di armonie bruciate da un frastuono atroce che non lascia scampo. Brani come El Pollo sono sintomatici di questo momento del gruppo, un asfissiante e tremebondo scivolo verso il vortice musicale che i due hanno pensato ormai da quindici anni a questa parte, ma non fraintendete: nulla di quello che c’è qua dentro è inascoltabile perchè la voce di Warren è strepitosa nel creare melodie e poi ci si sposta con disinvoltura tra un genere e l’altro pur mantenendo intatto il loro marchio distintivo. Infatti chi non li conosce rimarrebbe esterefatto all’ascolto di Under Everest, dolcissima, o di The Moor You Know, impressionante tribalismo punk. Poi le note della conclusiva Let Them Grid spazzano via tutto come un uragano. I Big Business: se non ci fossero bisognerebbe inventarli.

Daniele Ghiro