Vanishing Twins, il video di Magician’s Success

FIRELP506 The Groundhogs - Blues Obituary OUTER SLEEVE

Uscirà su Fire Records il prossimo 7 giugno il nuovo album dei Vanishing Twins, intitolato The Age Of Immunology.

Il pezzo che lo anticipa s’intitola Magician’s Success, di cui qui vi presentiamo il video.

Annunci

BIG BUSINESS “The Beast You Are”

BIG BUSINESS
THE BEAST YOU ARE
Joyful Noise

a0059445745_10

Dopo questi ultimi anni passati ad avere in formazione chitarristi di ogni tipo, ultimamente i Big Business sono ritornati alle origini e si ripropongono come duo, la giusta, unica, inimitabile formazione per il combo di Seattle. Sì, proprio la patria del grunge, che guarda caso fa addirittura capolino proprio nella canzone che apre l’album Abdominal Snowman, diretta e potente. Però Jared Warren (basso e voce) e Coady Willis (batteria) hanno sempre percorso altre strade, quelle di uno sludge imbastardito e senza nessuna concessione al metal tout court, loro hanno sempre preso una base di partenza e ci hanno ricamato su semplicemente ciò che hanno voluto. Sperimentando a più non posso percorsi musicali, a volte sono un po’ usciti dai binari, magari qualcosa non sempre è riuscito benissimo, ma il duo ha sempre fatto degli ottimi dischi e ha un marchio di fabbrica riconoscibile immediatamente. Il loro è un oscuro abisso di riff su tempi ritmici marziali (Willis è semplicemente un mostro), strati di armonie bruciate da un frastuono atroce che non lascia scampo. Brani come El Pollo sono sintomatici di questo momento del gruppo, un asfissiante e tremebondo scivolo verso il vortice musicale che i due hanno pensato ormai da quindici anni a questa parte, ma non fraintendete: nulla di quello che c’è qua dentro è inascoltabile perchè la voce di Warren è strepitosa nel creare melodie e poi ci si sposta con disinvoltura tra un genere e l’altro pur mantenendo intatto il loro marchio distintivo. Infatti chi non li conosce rimarrebbe esterefatto all’ascolto di Under Everest, dolcissima, o di The Moor You Know, impressionante tribalismo punk. Poi le note della conclusiva Let Them Grid spazzano via tutto come un uragano. I Big Business: se non ci fossero bisognerebbe inventarli.

Daniele Ghiro

DANKO JONES “A Rock Supreme”

DANKO JONES
A ROCK SUPREME
AFM Records

danko-jones-a-rock-supreme-2019

Danko Jones, voce e chitarra, con i fidi John Calabrese al basso e Rich Knox alla batteria sforna il nono album come se nulla fosse accaduto nell’ambito del rock mondiale. Il power trio vive in una bolla d’aria a parte, un luogo dove cambiamenti, influenze, innovazioni e contaminazioni non esistono, dove tutto è fermo al primordiale assalto rock’n’roll, con una robusta inserzione di riff blues e con qualche sconfinamento nel punk e nel glam. Si potrebbe disquisire su tutto, ma non sul fatto che Jones non ci sappia fare e nel corso di questi anni lo ha ampiamente dimostrato anche sui palchi di tutto il modo. Il suo è amore vero, un amore per il rock nudo e crudo, senza orpelli, semplice e diretto ma mai banale. Qui stà la differenza tra loro e una miriade di gruppi che fanno lo stesso tipo di musica: tra i solchi di questo disco trasuda un’autenticità che non e stata mai messa in dubbio e il gruppo la mette sul piatto con una semplicità disarmante. Qui dentro ci sono riff e ritornelli che abbiamo già sentito milioni di volte nel corso degli anni ma che per come sono confezionati hanno ancora la capacità di coinvolgere e farci scapocciare. D’altronde non è che se uno mette su un disco degli AC/DC trovi grandissime differenze tra uno e l’altro ma il piacere è sempre lo stesso. Ecco allora che l’iniziale I’m In A Band è subito la dichiarazione d’amore che porta il pubblico dalla propria parte: “I’m in a band, and I love it, All I want to do is play my guitar and Rock and Roll” e non ci sarebbe a questo punto niente altro da aggiungere. Però un paio di righe le scrivo ancora per confermare il rock granitico di Lipstick City, la carica esplosiva di Party e la super glam You Got Today. A conferma del fatto che i tre sanno scrivere grandi canzoni senza strafare ecco proprio in chiusura arriva il meglio dell’album con Burn In Hell una rock heavy country song trascinante e velocissima e You Can’t Keep Us Down che potreste tranquillamente immaginare cantata da tutti al loro prossimo concerto. Se ancora ce ne fosse bisogno, abbiamo avuto la conferma di una band instancabile, genuina e very rock’n’roll, senza dubbio alcuno. 

Daniele Ghiro

King Khan LTD live a Milano, 23/4/2019

KING KHAN LTD
MILANO

CIRCOLO MAGNOLIA
24 APRILE 2019

King Khan ha alle spalle una discografia ormai piuttosto nutrita, sparpagliata fra diverse sigle e formazioni – quella probabilmente più nota King Khan & The Shrines – ma sempre in bilico tra garage, punk, soul, rhythm & blues, generi serviti nel più selvaggio, scoppiettante e divertente dei modi.

A Milano si è presentato con un progetto nuovo di zecca, King Khan LTD (dove l’acronimo sta per louder than death), messo a punto con Looch Vibrato Aggie Sonora dei francesi Magnetix (a chitarra e batteria) e Fredovitch  degli Shrines al basso. Garage punk sputato fuori con ugola scartavetrata da grande entertainer e tanto, tanto divertimento. Le foto dovrebbero spiegare più di mille parole! Per loro, in arrivo un disco sulla mitica In The Red.

Tutte le foto © Lino Brunetti

DSC_1844

DSC_1851

DSC_1860

DSC_1865

DSC_1867

DSC_1874

DSC_1883

DSC_1884

DSC_1886

DSC_1899

DSC_1908

DSC_1911

DSC_1913

DSC_1916

DSC_1923

DSC_1927

DSC_1929

Vicinanza Pensiero Luogo

Vicinanza Pensiero Luogo, una questione narrativa con il territorio” è un’installazione sonora realizzata da un amico, Maurizio Misiano. Dopo un’anteprima a Lucca, arriva a Legnano, nello spazio del Teatrino Fontana, in via Volturno 19. Segnalo volentieri l’appuntamento, facendo seguire la comunicazione del Teatrino e la presentazione dell’opera da parte dell’autore. (Lino Brunetti)

Non occorre prenotare. Il visitatore potrà accedere all’installazione in qualunque momento, dalle 16 alle 21. L’ingresso è riservato ai soci. È possibile sottoscrivere la tessera associativa annuale all’ingresso con un contributo di 5 euro.

Il Teatrino Fontana non percepisce alcun finanziamento e si sostenta esclusivamente attraverso il lavoro teatrale. Crediamo che sia giusto permettere a ciascuno di partecipare secondo le proprie possibilità chiedendo un libero contributo a sostegno delle attività dell’associazione. Al termine delle iniziative chiediamo pertanto di onorare il lavoro con un’offerta che tenga conto di tutti gli sforzi che stanno dietro a ogni lavoro proposto“.

Label-vicinanza

Presentazione dell’opera:

L’installazione sonora è la fase conclusiva di un esperimento personale. 
Qui viene rappresentato il tentativo di leggere e raccontare il territorio quotidiano attraverso la sua pura percezione sonora.
Le registrazioni sul campo, sono state effettuate nel corso di un anno circa. I luoghi si trovano in un’area che comprende l’Altomilanese e il basso Varesotto, confinata tra il parco del Ticino, La Valle Olona e le grandi arterie di comunicazioni, come l’autostrada Milano-Torino e la statale del Sempione.
Le località prescelte non hanno alcuna rilevanza dal punto di vista paesaggistico, rappresentano piuttosto uno spaccato della geografia vissuta in prima persona. 
L’intreccio delle registrazioni, riprodotte quasi tutte contemporaneamente restituisce così un nuovo luogo, che è la somma ma anche la trasfigurazione degli originali, il cui suono è stato filtrato attraverso un processo di “frottage” sonoro.
La composizione ultima del processo è lasciata all’attenzione uditiva dello spettatore, che avrà a disposizione strumenti e appunti visivi raccolti nel corso delle riprese, per realizzare un proprio paesaggio sonoro personale.

TOY nei prossimi giorni in Italia!

Toy_1018

TOY, che hanno di recente pubblicato l’ottimo Happy In The Hollow, forse il loro miglior disco, stanno per arrivare in Italia per tre attesissimi concerti che si segnalano imperdibili se si vuole godere delle nuove e delle vecchie canzoni dal vivo.

Il quintetto di Brighton sarà il 6 marzo all’Ohibò di Milano, il 7 al Largo Venue di Roma e l’8 al Covo Club di Bologna.

A voi i tre video realizzati in occasione dell’uscita di Happy In The Hollow per prepararvi all’evento!